Tranquilli, al 5° set vinciamo noi

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Una parola sola amici miei: torneremo. Intanto resistiamo, portiamo pazienza, ricordando che il tempo è dalla nostra parte, che abbiamo quattro tennisti italiani nei primi 37 del mondo, che Lorenzo Musetti e Luca Nardi ci entreranno tra poco, che siamo seduti su un tesoretto e dobbiamo solo aspettare.
Aspettare i prossimi Internazionali d’Italia e le finali Atp a Torino, e non solo. Aspettare qualche altro grande evento che si sta avvicinando alla Romagna, aspettare la definitiva consacrazione del padel, il ritorno in grande stile del beach tennis che ha sempre un notevole seguito, aspettare che la pandemia passi e goderci il tesoretto sul quale siamo seduti e che ci siamo conquistati con il sudore.

Intanto vi segnalo un articolo pubblicato sabato 28 novembre dal Sole 24 Ore, che fa l’analisi delle stime Nielsen Sports sugli orientamenti dei grandi sponsor per l’immediato futuro. Si capisce bene che sarà il tennis lo strumento numero 1 per rilanciare la propria immagine, sulla base anche di un dato oggettivo: sull’interesse a fare sport i millenials hanno aumentato la propensione, rispetto al Pre-Covid, a praticare tennis e padel (+14%), basket (+12%) e skateboarding (+10%).

Questo vuol dire che potremmo avere la primavera con il bonus e – come ho già detto molte volte – sarà importante farsi trovare pronti. Noi di Net-Gen.it lo saremo, stiamo preparando una nuova veste grafica, un nuovo sito molto più performante, abbiamo allargato la squadra.
Non solo, appena le condizioni lo permetteranno, tornerà il Gran Galà del tennis nella nuova sede del Frontemare a Miramare, una location magnifica che il patron Maurizio De Luca sta preparando per la ripresa delle attività a pieno ritmo. E allora sarà tutto ancora più bello…

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti