Camilla Scala

Open di Sirmione: Camilla Scala si ferma nei quarti di finale

Camilla Scala si è fermata nei quarti di finale nel “1° Trofeo Sirmione – La perla del Lago di Garda”, Open femminile internazionale da 5.000 euro di montepremi che si svolge sui campi della Polisportiva Sirmione (in provincia di Brescia). La portacolori del Tennis Club Faenza, quarta favorita del seeding, ha ceduto con il punteggio di 6-3 6-4 all’argentina Catalina Pella, 26enne di Bahia Blanca, già n.173 Wta, e sorella del Top 30 Guido.

SCALA CEDE ALLA DISTANZA CONTRO PELLA – A partire meglio è stata la giocatrice imolese, al rientro dopo un paio di settimane di stop per una contrattura alla gamba, ma col passare dei minuti il poco tennis giocato di recente le ha chiesto il conto. Così, dal 3-1 in suo favore nel primo set la romagnola ha ceduto cinque game di fila e il parziale, per 6-3, contro una Pella via via sempre più incisiva. Nel secondo set, invece, per la sudamericana è stato decisivo un break sul 3-3, che l’ha spedita a servire per il match sul 5-4. Lì la Scala ha avuto la chance per rientrare in partita, ma prima sullo 0-30 e poi sul 30-30 ha commesso un paio di ingenuità che le sono costate care, consegnando all’avversaria la semifinale dell’Open femminile.
Sabato per la Pella ci sarà la sorpresa del torneo Alessia Bianchi, 2.4 toscana classe 1990, che in mattinata l’ha spuntata per 6-4 6-3 sulla trentina Elisa Visentin, in quello che qualche ora più tardi si è rivelato un quarto di finale anticipato in virtù dell’abbandono di Corinna Dentoni, bloccata da un infortunio.

DI SARRA NON LASCIA SCAMPO A MURATORI – 6-1 6-0 in meno di un’ora, e semifinale in cassaforte con il minimo sforzo. Il forfait dell’ultimo minuto di Corinna Dentoni,ha reso Federica Di Sarra la favorita numero 1 per il titolo e la 29enne di Fondi (Latina) si è fatta trovare prontissima, mostrando tutto il suo valore già dal match d’esordio sui campi della Polisportiva Sirmione, contro Valeria Muratori. La modenese era giunta ai quarti di finale sorprendendo nella serata di giovedì la bosniaca Jelena Simic, ma appena l’asticella si è alzata non è riuscita a reggere il confronto con la Di Sarra, giocatrice dal potenziale enorme e mai del tutto sfruttato. La 2.1 laziale, già numero 305 Wta e vincitrice in carriera di sei titoli internazionali, ha messo subito le cose in chiaro con un break in avvio, e poi ha fatto valere un tennis più potente e più preciso, obbligando la rivale a cercare qualche soluzione che non fa parte del suo bagaglio tecnico. La Muratori ci ha provato con grinta e coraggio, ma non è riuscita nel miracolo e così ha finito per racimolare un solo game, salutando il torneo ai quarti di finale. Per la Di Sarra nella semifinale di sabato ci sarà una fra la star del torneo Alberta Brianti, parmense già numero 55 del mondo e vincitrice in carriera di un titolo Wta (nel 2011 sulla terra marocchina di Fes), e Alice Vicini. 

Sabato alla Polisportiva Sirmione si parte alle 17, con la semifinale fra Di Sarra e la vincitrice di Brianti/Vicini. A seguire Pella/Bianchi. Domenica alle 17 la finale (ingresso gratuito).

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti