“I giovedì del libro” al Tennis Club Faenza: il 16 giugno si sogna con “David e Juliet. 22 anni in barca”

Per “I giovedì del libro”, rassegna letteraria riservata al piacere della narrazione, nella serata del 16 giugno (a partire dalle ore 21) il Tennis Club Faenza ospiterà Pier Vincenzo Zoli, giornalista e documentarista, specializzato in reportage di viaggio e collaboratore delle più importanti riviste di turismo italiane, che nell’occasione presenterà il suo libro “David e Juliet. 22 anni in barca”, edito da Polaris.

È il racconto delle avventure di una coppia di inglesi che hanno trascorso più di un terzo della loro vita a bordo di una barca a vela e tuttora stanno navigando. Due persone straordinarie nella loro assoluta normalità, che dal 1994 hanno viaggiato ai Caraibi, negli Stati Uniti, in Russia, alle Galapagos, in Alaska, Polinesia, Australia, Indonesia, Borneo, Singapore, Thailandia… E ancora oggi, ad oltre settant’anni, sono nomadi del vento. Pier Vincenzo Zoli ne ha raccolto la storia in questo libro, suggestivo come un romanzo e travolgente come la vita. È un libro che parla di mare e di venti, ma soprattutto racconta di amicizie incrollabili, sentimenti condivisi, passioni irrefrenabili, luoghi ai confini della fantasia, incontri indimenticabili e amore. Amore per l’avventura, la conoscenza, la natura in tutte le sue forme e, soprattutto, per la libertà.

Pier Vincenzo Zoli
Pier Vincenzo Zoli

La rassegna letteraria del Tennis Club Faenza proseguirà giovedì 23 giugno con Eraldo Baldini, narratore, saggista e ricercatore nel campo dell’antropologia culturale e dell’etnografia, che presenterà il libro “Streghe, malefici e magie popolari in Romagna”,‎ Il Ponte Vecchio editore.
Nella serata del giovedì successivo, 30 giugno, il fotografo e reporter Edoardo Agresti presenterà il libro “La fotografia e l’arte del gin tonic”, Polaris editore.

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti