Lucia Bronzetti

Lucia Bronzetti saluta subito Hobart, Sara Errani fuori nelle “quali” degli Australian Open

Semaforo rosso all’esordio per Lucia Bronzetti nell’ “Hobart International”, torneo WTA 250 da 259.303 dollari di montepremi che dopo tre anni torna a disputarsi sul cemento di Hobart, in Tasmania (Auatralia), uno degli ultimi due appuntamenti per rifinire la preparazione in vista degli Australian Open (l’altro è Adelaide).

La 24enne di Villa Verucchio, che ha ritoccato il proprio best ranking salendo al numero 50 della classifica mondiale grazie ai risultati in United Cup dove il team Italia è giunto in finale, al primo turno ha ceduto 64 63, in un’ora e 37 minuti di gioco, alla russa Anna Blinkova, n.72 WTA, proveniente dalle qualificazioni.
Troppo fallosa la romagnola, sempre costretta ad inseguire nel punteggio la sua avversaria. Lucia è apparsa un po’ “scarica” dopo l’impegno nella competizione a squadre miste: ne ha approfittato la 24enne moscovita che si è presa così la rivincita per la sconfitta in due set rimediata negli ottavi a Losanna nel 2021.

Sarà derby tricolore invece per un posto nei quarti di finale fra Jasmine Paolini, n.65 del ranking, che al debutto ha liquidato per 63 61 la rumena Patricia Maria Tig, n.790 WTA (in gara con il ranking protetto), ed Elisabetta Cocciaretto, capace di eliminare per 64 62 la veterana francese Alize Cornet, n.34 del ranking e terza favorita del seeding.

AUSTRALIAN OPEN: PER SARA ERRANI STOP NELLE “QUALI” Sara Errani è uscita di scena all’esordio nelle qualificazioni degli Australian Open in svolgimento sui campi di Melbourne Park. La tennista di Massa Lombarda, attualmente n.104 Wta e settima testa di serie, al 1° turno è stata sconfitta 76(5) 64 dalla coreana Jang Su-Jeong, n.116 del ranking mondiale.

Finale serie A: Sara Errani in azione
Sara Errani in azione (foto FIT/Giampiero Sposito)
5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti