Francesco Forti

Itf Bolzano: Francesco Forti sfiora la doppietta vincente

Si è interrotta solo in finale la corsa di Francesco Forti nello “Sparkasse Alperia Trophy”, torneo Future ITF dotato di un montepremi di 25mila dollari disputato sui campi in terra battuta del Tennis Club Bolzano.
Il 23enne di Cesenatico, sesta testa di serie, da questa settimana ufficialmente entrato nel gruppo di agonisti di alto livello seguiti dalla Galimberti Tennis Academy, ha messo in fila all’esordio il portoghese Vale Duarte (63 64), al 2° turno l’emiliano Federico Marchetti, proveniente dalle qualificazioni (61 63), nei quarti il russo Ivan Gakhov, primo favorito del tabellone (76 36 64) e in semifinale Stefano Napolitano (63 62), portando a nove match la striscia di successi consecutivi (in precedenza aveva conquistato il titolo nell’ITF di Gubbio). A fermare il romagnolo nell’atto conclusivo del torneo è stato lo statunitense Christian Langmo, n.5 del seeding, che si è imposto con il punteggio di 76(9) 63, in un’ora e tre quarti di gioco, salvando anche un set-point nel tie-break sul 7 a 6 per il portacolori del Circolo Tennis Massa Lombarda.

Alla finale in singolare nel capoluogo altoatesino Forti, accompagnato in questo torneo proprio da Giorgio Galimberti, ha aggiunto anche il titolo in doppio, conquistato al fianco di Filippo Romano: in gara con una wild card i due, dopo aver sbarrato la strada in semifinale (62 75 lo score) a Federico Arnaboldi e Giovanni Oradini, coppia terza favorita del tabellone, hanno completato il loro percorso netto superando 76(4) 63 Andrea Picchione e Federico Bertuccioli, anch’essi allievi della Galimberti Tennis Academy a Cattolica, che si erano qualificati per la finale imponendosi in rimonta, per 36 63 10-5, su Gabriele Bosio e Filippo Speziali.

Andrea Picchione con Giorgio Galimberti e Federico Bertuccioli
Andrea Picchione e Federico Bertuccioli con coach Giorgio Galimberti
5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti