La scuola tennis della Polisportiva 2000 Cervia

Il trofeo “Ego” alla Polisportiva 2000 Cervia verso il clou

Si avvia alla fase tecnicamente più importante una classica del tennis giovanile romagnolo, il trofeo “Ego”, il torneo Under 10-12-14, maschile e femminile organizzato dalla Polisportiva 2000 Cervia. Questi gli ultimi risultati.

Under 10 maschile turno di qualificazione: Riccardo Sartori-Robert Sebastian Cadar 6-2, 6-2. 1° turno tabellone finale: Riccardo Sartori-Davide Puddu 6-1, 6-4, Alessandro Teodorani-Alessandro Mazzavillani 6-3, 6-1.

Under 10 femminile, turno di qualificazione: Serena Sirbu-Anna Foschini 6-4, 7-5, Mia Zanzi-Bianca Maria Montalbini 6-2, 7-5. 1° turno tabellone finale: Serena Sirbu-Chloe Bombardini 6-4, 6-0. Quarti nel tabellone finale anche per Mia Zanzi.

Nell’Under 12 femminile n.1 Ayah Zaid Al Kilani, n.2 Bianca Cecchini, n.3 Angelica Bonetti, n.4 Flora Zanzi.

2° turno: Alexandra Rebeca Nita-Maria Chiara D’Accampo 6-3, 6-2, Adele Baldazza-Viola Monduzzi 6-0, 7-5, Noemi Lusa-Vittoria Andreani 6-4, 7-6 (4). Quarti anche per Micol Isidori.

Nell’Under 12 maschile ottavi: Elia Iannuzzi-Diego Pieri 6-4, 6-0, Jacopo Andruccioli-Mattia Turci 6-3, 6-1, Giovanni Neri (n.4)-Filippo Caminati 6-0, 6-1. Quarti anche per Filippo Albarello. Semifinali per Mattia Pettenati (n.3).

Nell’Under 14 maschile 4° turno: Tommaso Venturini-Riccardo Leone Bergonzoni 6-1, 6-2, Jacopo Liverani-Tommaso Alberti 6-2, 7-6 (3), Andrea Monti-Lorenzo Vicari 6-4, 5-7, 10-7. Turno di qualificazione: Matteo Della Villa (n.1)-Tommaso Mengoli 6-3, 6-1.

Nell’Under 14 femminile n.1 Arianna Sirbu, n.2 Ilaria Rondinelli, n.3 Silvia Taiola. 1° turno: Anita Vernice-Vittoria Montalti 6-4, 7-5. 2° turno: Nicole Di Marco-Clare Molari 6-2, 6-2, Gioia Bassi-Emma Ceccarelli 7-5, 6-3. Quarti: Maria Luce Ossani-Nicole Di Marco 6-2, 6-1.

Il giudice di gara è Daniele Mingozzi, direttore di gara Andrea Rocchi.

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti