Benjamin Hassan in campo con la mascherina

Torneo in Germania: Hassan in campo con la mascherina, Brown aizza il pubblico che non c’è

Riparte il tennis in Europa e in particolare in Germania è andato in scena il primo torneo della nuova “era”, ai tempi del coronavirus. Zero spettatori, zero raccattapalle, ma diversi giocatori pronti a scendere ugualmente in campo. L’evento si chiama “Tennis Point Exhibition Series” e si sta svolgendo a porte chiuse a Hoehr-Grenzhausen, piccolo centro della Renania-Palatinato di 10mila abitanti.

L’arbitro del torneo in Germania con la mascherina

Il torneo è riservato ai giocatori che risiedono nella regione e si disputa con le regole adottate alle Next Gen Finals (set ai 4, no advantage ecc.). Gli organizzatori sono stati molto attenti a garantire la salute e la sicurezza dei giocatori, ricevendo anche l’ok dalla polizia che ha fatto alcuni sopralluoghi per verificare l’utilizzo stringente di gel e mascherine. Nella fattispecie Benjamin Hassan è stato il primo tennista a disputare i match con la mascherina sul volto, misura che adotta anche l’arbitro di sedia, una delle tre persone presenti in campo (le altre due sono i giocatori…).

I tennisti entrano ed escono dal campo attraverso ingressi differenti e nelle pause sono seduti uno di fronte all’altro in modo da non incrociarsi mai a rete. Tutti i cibi e le bevande sono preconfezionati e i giocatori mangiano da soli ai tavoli.

Le panchine vengono sanificate prima di ogni match

Come detto, ovviamente, il torneo si gioca senza pubblico. Però a regalare spettacolo ci ha pensato il funambolico Dustin Brown, che con uno dei suoi amati tweener ha scavalcato con un pallonetto lungolinea Choinski e ha salutato la prodezza scherzando e alzando le braccia al cielo come a chiedere l’ovazione del pubblico. Ecco la simpatica scena nel video: 

 

Dustin Brown entra in campo con la mascherina sul volto
5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti