Teo Zapata

Torneo FIP Rise al Padel Club Riccione, quanti big in campo: orari e tabelloni

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

I migliori specialisti e specialiste della Penisola, molti dei quali reduci dall’intenso week-end lungo dedicato alla serie A, insieme ad atleti e atlete che frequentano con continuità il World Padel Tour. E’ l’intrigante mix di ingredienti del trofeo Plastiletorneo FIP Rise (maschile e femminile), tappa del Cupra FIP Tour 2021 con montepremi complessivo di 5100 euro in programma al Padel Club Riccione da mercoledì 26 a domenica 30 maggio.

Dopo le competizioni andate in scena a Roma, Torino e Catania il circuito organizzato dalla Federazione Internazionale Padel approda per la prima volta in Emilia Romagna, una delle regioni della Penisola in cui questo sport sta diffondendosi a ritmi sempre più sostenuti. E per questo storico esordio del club della Perla Verde sul palcoscenico internazionale è di notevole qualità tecnica il cast di partecipanti che si contenderanno i 20 preziosi punti per il ranking World Padel Tour-FIP destinati ai vincitori (10 alle coppie finaliste e 5 a quelle semifinaliste).

ignacio gonzalez gadea
Lo spagnolo Ignacio “Nacho” Gonzalez Gadea, numero 48 del ranking World Padel Tour

A guidare l’entry list maschile sono infatti gli spagnoli Teo Zapata Pizarro (n.77 World Padel Tour), che ricopre anche un ruolo di collaboratore tecnico del circolo romagnolo, e Ignacio González Gadea, attualmente numero 48 del ranking WPT, in sostanza il meglio possibile per questa categoria di tornei (da regolamento non possono prendervi parte i primi 45 giocatori e le prime 30 giocatrici della classifica mondiale). Non mancano comunque i pretendenti a un ruolo di primo piano, a cominciare dalla coppia formata da Mattia Guerra e dall’italo-argentino Juan Manuel Restivo (n.74 WPT), a inizio maggio vincitore del torneo Rise di Catania al fianco dello spagnolo Raul Marcos Duran (n.80 WPT), che a Riccione si schiera insieme all’esperto Marcelo Capitani, dominatore della passata stagione in Italia e responsabile tecnico delle nazionali azzurre giovanili. 

A un mese dagli Europei di Marbella occhi puntati anche sul binomio Nicolò Cotto e Dario German Tamame (n.85 WPT), su Simone Cremona (l’altro campione italiano in carica e trionfatore del circuito Slam 2020, recente semifinalista a Catania) e Dario Cassetta, gli emergenti Lorenzo Di Giovanni e Riccardo Sinicropi (in aprile vincitori del FIP Promotion al Ruffini Torino)Daniele Cattaneo e Mauro Agustin Salandro, l’imolese Filippo Scala ed Emanuele Fanti, tutti possibili aspiranti a una maglia azzurra nella rassegna continentale.

Filippo Scala
L’imolese Filippo Scala, altro atteso protagonista del primo torneo Cupra FIP Tour in Emilia Romagna

In tal senso saggeranno le loro condizioni di forma anche Edoardo Berardi e il padre Gianluca Berardi, che difenderanno i colori sammarinesi a Marbella, sui campi del Padel Club Riccione rispettivamente al fianco di Edoardo Sardella e del ravennate Alan Maldini.

A garantire spettacolo e spessore tecnico la presenza tra gli iscritti di altri sette binomi tutti iberici e di tre ispanico-argentini, Paesi che dettano legge nel padel a livello mondiale.

Gianluca ed Edoardo Berardi
I riccionesi Gianluca ed Edoardo Berardi saranno in campo nel Trofeo Plastile FIP Rise al Padel Club Riccione

Nel doppio femminile i favori del pronostico vanno alla pluriscudettata Chiara Pappacena (n.68 WPT), che in questo caso non fa coppia con l’altra “sorella d’Italia” Giulia Sussarello sua abituale partner (nel giro di dieci giorni hanno vinto il FIP Star di Dubai e poi a Catania) ma con l’argentina Celeste Paz (n.39 WPT).

Principali rivali nella corsa al successo saranno le spagnole Laura Albertì Castell e Patricia Martinez Fortun (n.60 WPT) e altri due binomi italiani che frequentano con assiduità il tour come Valentina Tommasi/Emily Stellato e Alessia La Monaca/Carolina Petrelli (coppie semifinaliste a Catania) a caccia di punti pesanti per guadagnare posizioni in classifica internazionale, senza trascurare le potenzialità di Sara D’Ambrogio (tarantina di nascita ma ormai romagnola d’adozione) e Claudia Noemi Cascella.

Insomma, al Padel Club Riccione (giudice arbitro designato a dirigere la manifestazione è Walter Naldoni) saranno giornate palpitanti e ricche di emozioni a colpi di bandeja, vibora e globo.

Celeste Paz
L’argentina Celeste Paz, numero 39 World Padel Tour (foto FIT/Giampiero Sposito)
5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti