Mondiali Padel: storica semifinale per l’Italia femminile di D’Ambrogio e Camorani

La nazionale femminile di padel è in semifinale ai Mondiali a squadre in corso fino a domenica ad Asuncion, in Paraguay. Dopo aver chiuso al secondo posto il Gruppo B alle spalle dell’Argentina, che nel confronto diretto si è imposta per 3-0 (Sara D’Ambrogio, pur uscendo battuta 63 60, ha comunque ricevuto i complimenti della stella sudamericana Cecilia Reiter), nei quarti le azzurre hanno battuto per 2-1 in rimonta il Messico, vincitore del Gruppo D davanti al Cile. 

La gioia delle azzurre (si vedono Sara D’Ambrogio e Martina Camorani)

Confronto iniziato in salita con la sconfitta di Alessia La Monaca Francesca Zacchini con il punteggio di 64 62. Erano Giulia Sussarello e Chiara Pappacena a rimettere tutto in parità aggiudicandosi il loro match per 61 62, quindi decisivo il punto portato poi da Carolina Orsi Valentina Tommasi per 64 60.

 

L’Italia femminile del paddle è dunque tra le prime quattro squadre al mondo: una giornata storica per il movimento azzurro, che nei precedenti campionati del mondo due anni fa aveva chiuso al sesto posto. Le azzurre in semifinale troveranno le campionesse del mondo della Spagna, che hanno superato il Brasile. Un’impresa sulla carta davvero impossibile.

L’obiettivo era passare il girone. Siamo partite da Roma con la speranza di riuscire ad arrivare almeno tra le prime 8 al Mondo. Sono 16 nazioni totali. Girone passato. Oggi quarti di finale, battiamo il Messico e il nostro sogno prosegue – il post ricco di gioia di Sara D’Ambrogio – Siamo tra le prime 4 del Mondooooo! Un sogno per tutte noi che si realizza. Domani semifinale con la Spagna. Giocheremo con le migliori al Mondo. Emozione unica. Siamo una squadra compatta, unita. Siamo l’Italia“.

L’altra semifinale vedrà di fronte l’Argentina alla vincente tra Portogallo e Francia. Le due vincenti delle semifinali si sfideranno per il titolo, le due perdenti per il bronzo.

Padel Nations Cup: l’Italia cede in finale alla Francia a Nijmegen

 

5/5

More to explorer

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti