Marco De Rossi (San Marino)

Marco De Rossi nei quarti nel Futures ITF di Sharm El Sheikh

Sono ottime le notizie che arrivano dall’Egitto per il tennis sammarinese. Marco De Rossi si sta infatti mettendo in grande evidenza sui campi del Soho Square Tennis Club di Sharm El Sheikh, dove ha guadagnato l’accesso ai quarti di finale del torneo Futures F28, evento ITF con montepremi di 15 mila dollari.
Il tennista biancazzurro, dopo aver vinto tre incontri nel tabellone di qualificazione, superando anche la testa di serie numero 4, all’esordio nel main draw si è liberato del libanese Giovani Samah per 7-6 6-4, poi negli ottavi si è imposto con un netto 6-0 6-1 sul portoghese Bernardo Sarava, quinto favorito del seeding.
Venerdì, dunque, tornerà in campo per i quarti di finale, dove dovrà vedersela con la testa di serie numero 2, il tunisino Aziz Dougaz, che De Rossi aveva già battuto nel 2014, quando si era imposto nel torneo Under 18 di Kelibia, proprio in Tunisia.
Con due preziosi punti ATP già in tasca, il 21enne davisman del Titano proverà ad incrementare il proprio bottino puntando alle semifinali. 

 

Il sammarinese Marco De Rossi

Sembra dare i propri frutti, dunque, la scelta di lasciare la San Marino Tennis Academy per trasferirsi al Circolo Tennis Rungg, in provincia di Bolzano. Un cambiamento di vita che De Rossi ha affrontato circa un mese fa, per ritrovare stimoli ed energie dopo un periodo in chiaroscuro, anche a causa di alcuni infortuni. Una scelta dettata anche dalla volontà di ben figurare ai Giochi dei Piccoli Stati del prossimo anno.
Sempre in Egitto, la scorsa settimana, De Rossi si era fermato ad un passo del main draw, cedendo al termine di una partita tiratissima (6-4 7-6) all’ultimo turno di qualificazione a Moritz Trocker, suo compagno di allenamento a Bolzano.

Open Cicconetti: Crocetti, Morolli e Pecci volano nei quarti

 

5/5

More to explorer

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti