Federico Gaio promosso dalle qualificazioni nel “500” di Acapulco

Federico Gaio ha centrato la qualificazione al tabellone principale dell’“Abierto Mexicano Telcel”, torneo ATP 500 dotato di un montepremi di 1.780.060 dollari in corso sul cemento di Acapulco, in Messico.

Dopo aver sconfitto 62 63 il croato Ante Pavic, il 26enne faentino, numero 229 del ranking mondiale, al turno decisivo ha superato per 61 46 76(6), dopo quasi due ore e mezza di battaglia, l’ecuadoregno Emilio Gomez, numero 325 Atp, in tabellone come “alternate”. Il romagnolo, che nel terzo set si è ritrovato sotto per 5-2, ha dovuto annullare anche due match-point: uno nel nono gioco ed uno nel tie-break (sul 6-5 per il suo avversario).

Federico Gaio (foto FIT/Tonelli)

Gaio ha dunque raggiunto nel tabellone principale Andreas Seppi: l’altoatesino, che giovedì scorso ha compiuto 35 anni, numero 49 del ranking mondiale, è stato sorteggiato al primo turno contro l’australiano Nick Kyrgios, numero 72 Atp. Il 23enne di Canberra è in vantaggio per 2-1 nei precedenti ma ha vinto proprio l’ultimo, al secondo turno degli Australian Open di due anni fa per 10-8 al quinto set. Il vincente di questo match troverà molto probabilmente Rafa Nadal. Per quanto riguarda il faentino, debutta nella notte italiana fra lunedì e martedì nel main draw contro il tedesco Peter Gojowczyk, numero 87 Atp: si tratta di una sfida inedita.

Il primo favorito del seeding, infatti, è proprio Rafael Nadal, numero 2 del ranking mondiale, vincitore di questo torneo nel 2005 e nel 2013 (si giocava sulla terra), al rientro nel circuito dopo la finale persa a Melbourne contro Djokovic esattamente un mese fa. Lo spagnolo precede il tedesco Alexander Zverev (n.3 Atp), lo statunitense John Isner (n.9 Atp), l’argentino Diego Schwartzman (n.25 Atp), l’australiano Alex De Minaur (n.26 Atp), gli americani Frances Tiafoe (n. 34 Atp) e Steve Johnson (n.36 Atp) e l’altro aussie John Millman (n.44 Atp).

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti