Il diritto di Federico Gaio

Challenger Parma: Gaio piega Zeppieri, è finale contro Robredo

Federico Gaio si aggiudica il derby tricolore con Giulio Zeppieri e raggiunge la finale degli “Internazionali Emilia Romagna-Goldbet Tennis Cup”, torneo challenger ATP da 46.600 euro di montepremi che si conclude domenica sulla terra rossa del Tennis Club President di Parma. Il 27enne di Faenza, numero 200 della classifica mondiale e sesta testa di serie, si è imposto sul 17enne mancino di Latina, numero 525 Atp e in gara con una wild card, alla sua prima semifinale a livello challenger, con il punteggio di 64 36 76(3), dopo due ore e 6 minuti.

Federico Gaio
Federico Gaio firma autografi

Nel match che assegna il titolo Gaio – alla quinta finale challenger in carriera: ha vinto a San Benedetto e Biella nel luglio 2016, e perso a Cortina nell’estate 2014 e a Padova nel settembre scorso – affronta domenica lo spagnolo Tommy Robredo, numero 216 del ranking mondiale e ottava testa di serie, a caccia della doppietta dopo il successo nel Challenger di Poznan, che sul 5-0 in suo favore ha avuto via libera per il ritiro del tedesco Julian Lenz, numero 370 Atp, per un infortunio alla schiena.

 

GAIO: “ROBREDO? SPERO IN UN GRANDE MATCH” – “Abbiamo disputato un bellissimo match. Faccio i miei più sinceri complimenti a Giulio: ci conosciamo da poco, ogni tanto ci alleniamo insieme a Latina, ma non pensavo potesse giocare già a questo livello – riconosce il tennista romagnolo, la settimana scorsa semifinalista a Lione – Io sto cercando di trovare continuità di risultati e di gioco, sono contento di come mi sto esprimendo in questo periodo. La finale contro Robredo? A Marbella, dove nessuno dei due era testa di serie, l’ho battuto. Ora sono contento di ritrovare un grandissimo giocatore come lui in finale. Parliamo dell’ex numero 5 del mondo, spero di fare un’altra ottima partita”.

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti