Challenger: Gaio fuori a Montevideo, Travaglia avanza in Francia

Esordio amaro per Federico Gaio nell’”Uruguay Open”, torneo challenger Atp dotato di un montepremi di 75mila dollari in corso sui campi in terra rossa di Montevideo, capitale dell’Uruguay. Il 26enne di Faenza, numero 242 del ranking mondiale, che domenica aveva fatto il suo esordio stagionale in serie A con il Circolo Tennis Massa Lombarda in modo positivo, ha ceduto con il punteggio di 76(5) 75 al serbo Pedja Krstin, numero 186 Atp.
Sono invece approdati al secondo turno in questo torneo Paolo Lorenzi, numero 115 del ranking mondiale e settima testa di serie, battendo in rimonta per 36 60 76(2) l’argentino Federico Coria, numero 322 Atp, proveniente dalle qualificazioni, e Lorenzo Giustino, che lunedì aveva sconfitto il brasiliano Thomaz Bellucci.

In doppio la coppia Gaio/Lorenzi approda ai quarti piegando in rimonta, per 26 62 10-6 l’argentino Francisco Llanes e il brasiliano Thiago Seyboth Wild, in tabellone con una wild card.

Stefano Travaglia (Circolo Tennis Massa Lombarda)

Debutto positivo invece per Stefano Travaglia negli “Internationaux De Tennis De Vendee”, torneo challenger Atp dotato di un montepremi di 85mila euro in corso in contemporanea sui campi veloci di Mouilleron Le Captif, in Francia. Il portacolori del Circolo Tennis Massa Lombarda, numero 132 del ranking mondiale ed ottava testa di serie, al rientro in competizione dopo l’infortunio al ginocchio che l’aveva costretto al ritiro in semifinale a Brest un paio di settimane fa, ha superato per 75 64, in un’ora e mezzo di gioco, il belga Zizou Bergs, numero 419 Atp, proveniente dalle qualificazioni. Il 26enne di Ascoli Piceno al secondo turno affronterà il francese Quentin Halys, numero 145 Atp, che ha sconfitto per 76(4) 76(3), in un’ora e 45 minuti, Simone Bolelli, numero 146 del ranking mondiale.

Challenger: per Gaio e Dalla Valle stop al 2° turno, Travaglia ai quarti

 

 

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti