Cerca
Close this search box.
Giulia Gasparri e Ninny Valentini con il trofeo a Laguna

Beach Tennis: Gasparri-Valentini tornano al successo nel BT400 di Laguna

Le beacher romagnole dettano legge nel BT400 di Laguna, tappa del circuito internazionale ITF (montepremi 35.000 dollari) andata in scena in Brasile. In un torneo pesantemente condizionato dal maltempo Giulia Gasparri e Ninny Valentini hanno infatti ribadito il loro ruolo di coppia numero 1 del ranking mondiale di beach tennis rispettando il ruolo di prime teste di serie così da lasciarsi alle spalle un periodo non troppo brillante a livello di risultati.

La campionessa di Mordano e la sua compagna cervese hanno esordito rifilando un doppio 61 alle brasiliane Juliana Bernardes e Brenda Rique, al 2° turno hanno liquidato 61 62 le altre padrone di casa Carolina Gurgel e Brunella Paiva, nei quarti hanno sconfitto 61 61 la spagnola Eva Fernandez Palos e Greta Giusti, n.7 del seeding, in semifinale hanno regolato 62 64 la venezuelana Patricia Diaz e la brasiliana Rafaella Milller, terza testa di serie, per poi completare il loro percorso netto imponendosi in rimonta, con il punteggio di 36 63 10-7, nel derby tutto romagnolo con Sofia Cimatti e Nicole Nobile, n.2 della classifica mondiale e del tabellone.  

La premiazione di Sofia Cimatti e Nicole Nobile a Laguna
La premiazione di Sofia Cimatti e Nicole Nobile a Laguna

Per Gasparri-Valentini si tratta del sesto successo su nove scontri diretti, ma soprattutto la 56esima vittoria in 61 incontri stagionali. “Finalmente il Leone ha creduto di essere un Leone… Sono fiera di noi, di come siamo riuscite ad affrontare questo torneo con l’aplomb che ci eravamo ripromesse di avere – sottolinea nel suo profilo social Giulia Gasparri -. I sorrisi di questa foto mi fanno dimenticare per un attimo l’ultimo mese e mezzo di paure e incertezze. Senza ombra di dubbio lo sforzo mentale e fisico che hai dovuto nuovamente fare per essere qui oggi fa di te l’Atleta che sei e ora non c’è nulla che ti meriti di più @ninny_valentini. Complimenti agli organizzatori per essere riusciti a portare a termine un evento che più di una volta non sembrava potesse finire, sicuramente è stato difficile per voi quanto per noi atleti doverci adattare ai continui cambi di programma e condizioni“.

Nella parte bassa del tabellone Cimatti-Nobile hanno messo in fila nell’ordine le brasiliane Stephanie Janssen e Patricia Vargas (60 60), la brasiliana Natalia Franca Ramos Ruediger e la paraguaiana Maria Angelica Galanti (61 61), nei quarti le altre “carioca” Vitoria Marchezini e Marcela Vita (62 64), quinta testa di serie, e in semifinale per 76(2) 36 10-8 la brasiliana Sophia Chow e la laziale Flaminia Daina, quarta forza del torneo.

Michele Cappelletti deluso
La delusione di Michele Cappelletti (foto FB Michele Cappelletti)

Nella competizione maschile – vinta dal brasiliano Andre Baran e dal russo Nikita Burmakin, superando in finale per 46 60 10-7 il duo italo-francese formato da Doriano Beccaccioli e Theo Irigaray – stop nei quarti per il cesenate Michele Cappelletti e lo spagnolo Antomi Ramos, coppia prima favorita, piegata di misura per 75 67(5) 11-9 dal lettone Maksimilians Niklass Andersons e dallo spagnolo Gerard Rodriguez Querol, n.8 del seeding.
E’ invece uscito di scena negli ottavi il lughese Tommaso Giovannini al fianco del brasiliano Vinicius Font, accreditati della settima testa di serie.

Ora le attenzioni si spostano sul BT400 di Garopaba (35.000 dollari di montepremi), sempre in Brasile, che si concluderà domenica 11 dicembre.

Un colpo acrobatico di Tommaso Giovannini
Un colpo acrobatico del lughese Tommaso Giovannini (foto FB Tommaso Giovannini)

Immagini collegate:

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti