Beach Games: Giulia Gasparri e Sofia Cimatti

Beach Games: ai piedi del podio Calbucci-Cappelletti, Gasparri-Cimatti e Giovannini-Daina

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

L’Italia ha conquistato una medaglia d’oro nel beach tennis nell’edizione inaugurale degli ANOC World Beach Games, i Giochi mondiali sulla Spiaggia 2019 andati in scena a Doha, capitale del Qatar, ma stavolta non è griffata Romagna. A trionfare nel doppio femminile sono state infatti Nicole Nobile e Flaminia Daina, accreditate della seconda testa di serie, che in semifinale hanno piegato per 75 57 10-3 le russe Daria Churakova e Irina Glimakova (numero 4 del seeding) e poi in una palpitante finale si sono imposte per 67 76 13-11 sulle brasiliane Joana Cortez e Rafaella Miller. 
Una sfida tiratissima, in cui le azzurre dopo aver perso il primo set erano sotto 5-2 nel secondo e hanno annullato un match point. Sembrava una gara chiusa, e invece Nobile/Daina – all’esordio si erano sbarazzate con un doppio 61 delle sammarinesi Marika Colonna e Alice Grandi, la cui qualificazione è una soddisfazione non da poco per un piccolo Stato come il Titano e per il presidente della Federtennis, Christian Forcellini – hanno reagito ribaltando il parziale. Terzo set poi ancora combattuto ma le italiane sono riuscite a chiudere 13-11 al termine di un finale thrilling: sul secondo match point per le azzurre la sfida è stata sospesa per qualche minuto perché si erano spente le luci. 

Masticano amaro invece le romagnole Sofia Cimatti e Giulia Gasparri, numero uno del tabellone, fermatesi ai piedi del podio in questa rassegna che può considerarsi una sorta di mini-Olimpiade che punta a diffondere, promuovere e integrare tutti quegli sport acquatici o praticati sulla spiaggia che non rientrano – almeno per ora – nel programma dei Giochi. Le campionesse d’Europa si sono arrese in semifinale alle brasiliane Joana Cortez e Rafaella Miller per 62 63, poi nella finalina per il bronzo hanno ceduto per 46 61 10-7 alle russe Churakova/Glimakova.

Beach Games: Michele Cappelletti e Alessandro Calbucci
Michele Cappelletti e Alessandro Calbucci a Doha

Stessa sorte, con piazzamento al quarto posto, nel doppio maschile per i campioni del mondo in carica, Alessandro Calbucci e Michele Cappelletti: dopo aver sconfitto per 63 60 all’esordio i giapponesi Yamamoto/Goda e nei quarti per 61 75 i russi Nokolai Gurev e Ivan Syrov, le due stelle azzurre, primi favoriti del seeding, si sono visti sbarrare la strada dai brasiliani Vinicius Font e Andre Baran, terza testa di serie, per 46 62 10-7, perdendo poi 61 64 contro i russi Nikita Burmakin e Sergey Kuptsov – binomio che aveva piegato di misura, per 57 61 10-8, negli ottavi il lughese Tommaso Giovannini, reduce dai brillanti risultati ottenuti ai Mediterranean Games a Patrasso e dagli Europei in Bulgaria, e Luca Cramarossa – nel match che valeva il terzo gradino del podio (il titolo è andato agli spagnoli Ramos Viera e Rodriguez). 

Beach Games: Tommaso Giovannini e Flaminia Daina
Tommaso Giovannini e Flaminia Daina in campo a Doha nel doppio misto

Amaro quarto posto anche nel doppio misto per la coppia formata da Tommaso Giovannini e Flaminia Daina, approdati al penultimo atto battendo 62 60 i nipponici Goda/Shibayama e nei quarti i russi Nikita Burmakin e Irina Glimakova (76 75), per poi essere stoppati in semifinale per 64 76 dai brasiliani Andre Baran e Rafaella Miller – poi vincitori del torneo – e nella finale per il bronzo cedere di un soffio, con il punteggio di 46 76 10-8, all’altra squadra brasiliana formata da Vinicius Font e Joana Cortez. Negli ottavi erano usciti di scena invece Cappelletti/Cimatti, numero 1 del seeding, sconfitti 64 62 dai russi Guryev/Nikoyan.  

 
Il logo dei Giochi sulla Spiaggia di Doha 2019
 

 

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti