Cerca
Close this search box.
La azionale italiana di beach tennis a Patrasso

Beach Tennis: le coppie azzurre ‘made in Romagna’ in corsa per tre ori ai Mediterranean Games

Sente ormai profumo di medaglie, quelle dal metallo pregiato, la nazionale italiana di beach tennis interamente “targata” Emilia Romagna che a Patrasso, in Grecia, sta disputando la seconda edizione dei Mediterranean Beach Games. Le finali, in programma nella serata di martedì 27, vedranno infatti un testa a testa tutto tricolore nel doppio femminile, così come nel doppio misto, mentre nel doppio maschile all’ultimo atto che assegna il titolo è approdata la coppia romagnolissima formata da Tommaso Giovannini e Denis Valmori, mentre l’altro binomio azzurro Bollettinari-Spoto dovrà giocarsi il bronzo.

Sulle spiagge greche nel torneo di doppio femminile hanno staccato con autorità il pass per le finalissima le due coppie azzurre, entrate in campo direttamente nei quarti. La bolognese Nicole Nobile (24 anni il prossimo 11 settembre) e la 20enne cesenate Ninny Jannika Valentini hanno rifilato un doppio “bagel” alle greche Kokkinou/Sotiriadou, poi in semifinale hanno superato per 76 61 le francesi Garnier/Labrit. Dal canto loro le riminesi Veronica Casadei (21enne) e Greta Giusti, 19 anni, nei quarti hanno regolato per 75 63 le sorelle francesi Hoarau (Marie Eve e Mathilde) e in semifinale hanno sconfitto 62 64 le spagnole Palos Fernandez/Garcia Lopez.

La Nazionale italiana di beach tennis per i Mediterranean Beach Games
La Nazionale italiana di beach tennis “made in Emilia Romagna” per i Mediterranean Beach Games

Nel doppio maschile il lughese Tommaso Giovannini, 24 anni appena compiuti (il 21 agosto), uno dei principali protagonisti del tour mondiale del beach tennis, e Dennis Valmori di Predappio (classe 1996), essendo prima testa di serie, hanno fatto il loro ingresso nella competizione direttamente nei quarti di finale sbarazzandosi per 61 63 dei sammarinesi Nicolò Bombini e Alvise Galli, quindi in semifinale l’hanno spuntata per 75 57 10-7, al termine di un match assai combattuto, sui francesi Gianotti/Guegano. In finale, però, Giovannini/Valmori non troveranno dal’altra parte della rete il ferrarese Diego Bollettinari e il 20enne bolognese Mattia Spoto, che dopo aver esordito negli ottavi battendo 61 61 gli ellenici Raptis/Karavasidis ed essersi ripetuti nei quarti con il 60 61 infitto ai portoghesi De Meneses Maio/Serrano Da Costa Freitas, hanno ceduto in semifinale per 64 63 agli spagnoli Ramos Viera (altro big del tour del beach tennis) e Rodriguez Querol. Saranno dunque i due iberici a contendere l’oro ai due beacher romagnoli.

Sarà invece doppietta azzurra, sui due gradini più alti del podio, anche nel misto, dove i binomi italiani si sono qualificati per l’ultima decisiva sfida. Bollettinari/Valentini hanno infatti centrato le affermazioni sui ciprioti Vyrides/Xenofontos (60 63), sugli spagnoli Rodriguez Querol/Lopez Garcia (60 63) nei quarti e in semifinale sui francesi Irigaray/Mathilde Hoarau, battuti 62 63. In contemporanea percorso netto sino alla finale per la coppia Giovannini/Nobile, che ha sconfitto 62 63 l’altra coppia cipriota Coutrouza/Tsangaridou, poi nei quarti per 76 63 i francesi Gianotti/Labrit e in semifinale hanno fermato (63 61) la bella corsa del binomio sammarinese formato da Nicolò Bombini e Alice Grandi, capace nei quarti di eliminare i quotati spagnoli Ramos Viera/Palos Fernandez (62 26 10-5 lo score).

Mediterranean Beach Games: la nazionale italiana di beach tennis
Mediterranean Beach Games: la nazionale italiana di beach tennis a Patrasso

La rappresentativa guidata dal commissario tecnico Michele Folegatti (ferrarese di nascita), con dirigente accompagnatore Giuseppe Martinez, è dunque sul punto di bissare lo straordinario bottino della edizione precedente (Pescara 2015) quando l’Italia ha fatto en plein di medaglie, riconfermandosi ai massimi livelli in questa disciplina.

Il sito dell’evento è https://www.mbgpatras2019.gr/en

Immagini collegate:

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti