Dalla terra rossa a Terre di Grabo, benzina naturale per chi gioca a tennis

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

La sana e corretta alimentazione, rappresentata da prodotti biologici coltivati con cura quasi maniacale, sicuramente appassionata, va di pari passo con la prestazione sportiva, in particolare quella del tennista che deve mettere la giusta attenzione a questo aspetto della sua preparazione agonistica.

Per questo motivo Net-Gen.it vuole segnalare ai suoi lettori un’esperienza assolutamente particolare ed originale nella coltivazione biologica, quella rappresentata da Terre di Grabo, l’azienda creata da Giorgio Grassi, leader mondiale nella produzione di Baloons, che usa come slogan, non a caso “Dal rispetto per la terra, l’amore per la vita”.
E’ un progetto agricolo che usa i principi della permacultura. Nella splendida location di Coriano sono stati realizzati orti bio-intensivi e spazi zootecnici per la realizzazione di un progetto auto-sostenibile nel tempo. Si tratta di una cooperativa sociale agricola che avrà tra gli scopi quelli di reintegrare persone, svolgere attività didattiche, realizzare corsi e fare assaporare i propri prodotti coltivati con metodi naturali.

Nella visione agricola di Terre di Grabo non vengono usati alcun tipo di fertilizzanti, funghicidi, diserbanti. L’obiettivo è rigenerare la terra, restituire ad essa materia organica e arrivare ad ottenere un prodotto genuino ricco di sostanze nutritive. Nella fattoria di Terre di Grabo vengono prodotti per la vendita diretta ogni tipo di ortaggi, frutta, olio e vino, ma anche miele, frutti di bosco e si può ammirare la natura tra tanti animali. Insomma, un vero spettacolo.

Terre di Grabo si trova a Coriano, in Via della Repubblica 124, si può anche visitare il sito https://www.terredigrabo.it/

 

Giorgio Grassi con Stellina

 

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti