Presentazione nuovo logo Tennis Club Faenza

Presentato il nuovo logo del Tennis Club Faenza

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Toni blu di richiamo ai colori della città, due linee curve che si sfiorano stilizzando un tennista in allungo e l’acronimo del Tennis Club. Questo, in sintesi, il nuovo logo del Tennis Club Faenza, presentato sabato 12 febbraio al circolo di via Medaglie d’Oro. Alla presentazione sono intervenuti Giancarlo Sabbatani, presidente del Tennis Club Faenza; Martina Laghi, assessore comunale a scuola e sport; Daniele Gringeri, Dirigente scolastico dell’Istituto Professionale Strocchi-Persolino; Martina Gamberini, insegnante di grafica alle Strocchi; Sara Cornigli, studentessa delle Strocchi, vincitrice del concorso indetto dal Tennis Club Faenza per la realizzazione del logo.

Il nuovo logo del Tennis Club Faenza
Il nuovo logo del Tennis Club Faenza

Davanti alla necessità di creare un canale comunicativo rappresentativo ed univoco del Tennis Club e delle sue diverse anime, evocando un più marcato spirito di identità, abbiamo deciso di coinvolgere quanto più possibile la città – ha spiegato il presidente Giancarlo Sabbatani, illustrando il percorso che ha portato alla scelta del logo – Ci siamo rivolti alle scuole di secondo grado di Faenza che formano grafici e comunicatori, il Persolino-Strocchi e l’Oriani, mettendo in concorso le abilità e la fantasia degli studenti. In una prima fase, le sessanta proposte pervenute sono state prese in visione da un gruppo di lavoro formato, tra gli altri, da professionisti della comunicazione che collaborano con il Tennis Club e che hanno individuato i venti lavori più meritevoli ed aderenti al progetto. Gli autori dei venti loghi finalisti sono stati invitati nell’Aula del Consiglio comunale di Faenza, dove hanno argomentato nei dettagli le loro proposte davanti ai referenti del circolo. Al termine di questo confronto, sono stati selezionati i tre loghi più appropriati e sottoposti alla votazione di tutti i soci del circolo. Da questa consultazione, molto partecipata, è emersa l’immagine che ci rappresenterà per i prossimi anni, portando verso il futuro una realtà con una storia quasi secolare visto che il Tennis Club Faenza fu fondato nel 1927″.

Dal canto suo l’assessore Martina Laghi ha aggiunto: “Come amministrazione comunale ci siamo limitati a mettere in contatto due mondi: quello sportivo del Tennis Club Faenza e quello della scuola, riuscendo a portare nel circolo di via Medaglie d’Oro molti ragazzi che non lo conoscevano e non lo avevano mai frequentato“.

Sara Cornigli, vincitrice concorso nuovo logo Tennis Club Faenza
Sara Cornigli, vincitrice del concorso indetto dal Tennis Club Faenza per la realizzazione del logo

Grazie a progetti come questo, i nostri ragazzi possono inserirsi attivamente nel contesto del territorio faentino – ha detto Daniele Gringeri, preside del Persolino-Strocchi Non è la prima volta che la nostra scuola partecipa a concorsi di questo tipo: per la comunità di Faenza i nostri ragazzi avevano già prodotto, per esempio, i loghi del Piedibus e della Cento chilometri del Passatore, esprimendo con tanta passione la loro creatività“.

Ringrazio per questa opportunità che è stata data ai miei studenti – ha aggiunto la professoressa Martina GamberiniI ragazzi si sono buttati con entusiasmo nella creazione di questo nuovo logo e credo che il risultato finale sia di ottimo livello“.

La vincitrice del concorso è risultata quindi Sara Cornigli, sedicenne di Castel Bolognese. “Ho ideato questo marchio pensando al movimento, elemento fondante dello sport – ha detto – Le due linee curve danno dinamicità e formano l’acronimo TC. Il blu richiama ai colori della città di Faenza e trasmette tranquillità, calma“.

Sara Cornigli ed i suoi compagni di istituto
Sara Cornigli e i suoi compagni di istituto con il logo del Tennis Club Faenza
5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti