Lucia Bronzetti WTA Portoroz

WTA Portorose: Lucia Bronzetti col vento in poppa, esce Sara Errani

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Prosegue la corsa di Lucia Bronzetti nel “Zavarovalnica Sava Portoroz”, torneo WTA 250 dotato di un montepremi di 235.238 dollari che si sta disputando sul cemento di Portorose, in Slovenia (l’appuntamento si era giocato per l’ultima volta nel 2010).

Solida e determinata, la 22enne di Villa Verucchio, numero 167 WTA (best ranking), dopo aver passato le qualificazioni, ha vinto il suo terzo match di fila eliminando all’esordio nel main draw per 63 63, in un’ora e 41 minuti di partita, la svedese Rebecca Peterson, numero 80 WTA e settima testa di serie, cogliendo il suo primo successo sul cemento a livello WTA.

Nella loro prima sfida la battuta nel set d’apertura è stata un optional: la romagnola ha subìto due break (uno sul 5-2 quando ha servito per chiudere) ma la 26enne di Stoccolma ha fatto molto peggio, cedendo il servizio in ben quatto occasioni. Lucia ha sempre comandato lo scambio e, dopo essersi assicurata il primo set per 63, ha brekkato due volte la sua avversaria anche in avvio di seconda frazione schizzando avanti 4-0. La svedese si è ripresa uno dei due break (4-2), recuperando due game dal 40-15 sotto, poi nell’ottavo gioco la riminese ha fallito un primo match-point spedendo il diritto in corridoio, mentre il secondo lo ha annullato con un lungo linea di diritto Peterson, che poi ha conquistato un altro game (5-3). Nel nono gioco Lucia, avanti 40-0, ha sprecato con un errore di diritto il primo match-point (il terzo complessivo) ma sul secondo il diritto della svedese si è spento in rete (63).

Lucia Bronzetti WTA Portoroz
Il rovescio di Lucia Bronzetti (foto FB WTA Portoroz)

Al secondo turno Bronzetti dovrà vedersela con la statunitense Bernarda Pera, n.90 del ranking: la 26enne mancina di origini croate (è nata a Zadar) si è aggiudicata in due set senza storia l’unico precedente con la romagnola, disputato negli ottavi dell’ITF di Padova nel 2017.

Semaforo rosso, invece, per Sara Errani, n.110 WTA, vincitrice di questo torneo nel 2008 ed ancora finalista nel 2009, sconfitta all’esordio per 76(4) 62, dopo quasi due ore di lotta, dall’altra ucraina Anhelina Kalinina, n.64 WTA. Contro un’avversaria mai affrontata prima la 34enne di Massa Lombarda è partita contratta, ma sotto 1-3 ha infilato un parziale di quattro giochi consecutivi salendo 5-3. La 24enne di Nova Kakhovka, però, l’ha riagguantata (5-5) assicurandosi poi il set al tie-break per 7 punti a 4.
Kalinina ha preso un break di vantaggio anche in avvio di seconda frazione (3-0), Errani ha provato a rifarsi sotto (3-2) ma l’avversaria ha allungato ancora chiudendo 6-2.

Sara Errani WTA Portoroz
Il diritto di Sara Errani (foto FB WTA Portoroz)
5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti