Cerca
Close this search box.

Wta Parma: Stephens sbarra la strada a Sara Errani nei quarti

Disco rosso per Sara Errani nei quarti di finale dell’“Emilia Romagna Open”, torneo WTA 250 con montepremi di 235.238 dollari, organizzato da MEF Tennis Events, in corso sui campi in terra battuta del Tennis Club Parma. 
La 34enne di Massa Lombarda, n.108 del ranking e in gara con una wild card, dopo le maratone vincenti con la rumena Ana Bogdan, n.101 WTA, e con la spagnola Sara Sorribes Tormo, n.50 WTA (quest’ultima conclusasi a metà del terzo set per un problema alla coscia sinistra della 24enne di Castellon de la Plana), ha ceduto per 63 60, in un’ora e 25 minuti di partita, alla statunitense Sloane Stephens, n.65 del ranking.

Nella sfida tra due finaliste del Roland Garros (Sara nel 2012 e Sloane nel 2018), terzo testa a testa fra le due – uno pari il bilancio dei precedenti con l’azzurra a segno nel primo turno di Cincinnati del 2011 e l’americana vincitrice al primo turno di Miami nel 2012, sempre sul cemento – è stata bruciante la partenza della 28enne di Plantation (Florida), scattata avanti 2-0. La giocatrice di Massa Lombarda ha recuperato immediatamente lo svantaggio (2-2), ma nel quinto gioco ha ceduto ancora la battuta permettendo poi alla statunitense di allungare sul 4-2. Sara ha evitato un altro break nel settimo game ma nel nono l’impresa non le è riuscita e Sloane si è assicurata il primo set per 6-3.

Stephens è partita decisa anche nella seconda frazione brekkando Errani nel secondo gioco e poi ha confermato il vantaggio (3-0) dopo aver annullato due chance per il contro-break alla romagnola. Sara ha ceduto di nuovo il servizio nel quarto e nel sesto gioco permettendo a Sloane di archiviare la pratica con un 6-0 davvero un po’ troppo severo per quanto visto in campo e per la tenacia con la quale l’azzurra ha combattuto fino all’ultimo.
Rimandato dunque per Errani il ritorno nella top 100, dalla quale manca oramai da 31 mesi (ottobre 2018).

Sara Errani
Un recupero di Sara Errani (foto Magni/Mef Tennis Events)

Immagini collegate:

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti