Lucia Bronzetti

WTA Palermo: Lucia Bronzetti parte di slancio, Tomova ko

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Prosegue il “magic moment” di Lucia Bronzetti. Dopo i quarti di finale raggiunti la settimana scorsa a Losanna, all’esordio in un torneo Wta 250, la 22enne di Villa Verucchio passa anche il 1° turno nel 32esimo “Palermo Ladies Open”, torneo WTA 250 con 235.238 dollari di montepremi in corso sui campi in terra rossa del Country Time Club. La riminese (n.190 WTA, best ranking guadagnando in un colpo solo 51 posizioni), in gara con una wild card, ha liquidato per 64 61, in poco meno di un’ora e tre quarti di partita, la bulgara Viktoria Tomova (n.117 WTA), quinta favorita del torneo.

Match un po’ complicato all’inizio per la romagnola, che si è trovata sotto 1-2 con un break, poi ha ingranato la marcia e ha messo a segno una striscia di quattro game di fila, salendo sul 5-2. Sul 5-3 e servizio Bronzetti ha sprecato due set-ball, poi però ha chiuso al decimo gioco. Nel secondo set c’è stata una sola giocatrice in campo, la riminese, che ha chiuso in modo autoritario. “Sono entrata in campo per dare il massimo e giocarmela fino in fondo. E per vincere. All’inizio ero un po’ tesa poi mi sono sciolta. I risultati di queste ultime settimane sono il frutto del lavoro che ho fatto giorno dopo giorno con il mio team. Giocare in Italia è bellissimo, soprattutto in un torneo così ben organizzato: spero di poter andare il più avanti possibile”, ha commentato Lucia a caldo con un sorriso radioso.

Al secondo turno la romagnola troverà dall’altra parte della rete la statunitense Grace Min, n.166 del ranking: tra l’azzurra e la 27enne di Atlanta non ci sono precedenti. Intanto con questo risultato la verucchiese è in odore di nuovo best ranking: al momento Lucia è virtualmente al numero 186 della classifica mondiale.

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti