Lucia Bronzetti e gli altri componenti del Team Italia di United Cup

United Cup: Lucia Bronzetti e Italia sconfitte, ma è ripescaggio in semifinale

L’Italia di Lucia Bronzetti cede 3-2 alla Polonia nella ‘city final’ ma prosegue la sua avventura in United Cup, il nuovo evento a squadre miste organizzato da ATP e WTA in partnership con Tennis Australia che inaugura il calendario 2023. Dopo le affermazioni su Brasile e Norvegia che erano valse la prima posizione nel Gruppo E, la squadra azzurra, quinta testa di serie, sui campi del “Queensland Tennis Centre” di Brisbane è stata piegata di misura dalla Polonia, seconda favorita del seeding e vincitrice del Gruppo B. Tuttavia il team capitanato da Vincenzo Santopadre è stato ripescato come miglior finalista perdente e quindi sarà tra le quattro protagoniste a Sydney della ‘final four’ affrontando venerdì 6 gennaio la Grecia (piegata 3-2 al doppio misto la Croazia), mentre la Polonia dovrà vedersela con gli Stati Uniti (4-1 alla Gran Bretagna).

Il play-off si è aperto nella notte italiana con il successo di Lorenzo Musetti, n.23 del ranking, che ha liquidato 61 61, in appena 58 minuti, Daniel Michalski, n.280 Atp, cedendo appena tre punti al servizio (tutti nel secondo set e due proprio quando ha servito per chiudere la partita). A riportare in parità i polacchi ci ha pensato Iga Swiatek, n.1 del mondo, regolando 62 64, in un’ora e 51 minuti di partita, Martina Trevisan, n.27 WTAAzzurri di nuovo avanti grazie a Matteo Berrettini (n.16 ATP), che dopo aver battuto Casper Ruud, n.3 del ranking, ha messo sotto un altro top 10 superando 64 36 63, in un’ora e 56 minuti di partita, Hubert Hurkacz, n.10 Atp.

Lucia Bronzetti sorridente con Martina Trevisan
Lucia Bronzetti sorridente con Martina Trevisan (foto WTA/Jimmie48

Nel secondo singolare femminile però Lucia Bronzetti (n.54 WTA) ha trovato semaforo rosso di fronte a Magda Linette (n.48 del ranking), uscendo sconfitta 61 62, in un’ora e 13 minuti di gioco. Tra la 24enne di Villa Verucchio e la 30enne di Poznan non c’erano precedenti. Nel quarto gioco del primo set la romagnola ha recuperato da 15-40 ma sulla terza palla-break l’azzurra ha sotterrato in rete il diritto al termine di uno scambio ad altissima velocità e Linette è salita 3-1. La polacca, in grande spolvero, ha confermato il break con un ace (4-1). Nel sesto game la riminese è risalita da 0-40 ma poi ha ceduto nuovamente la battuta alla polacca (5-1), che ha poi chiuso 6-1 al terzo set-point.
Il mood positivo della 30enne di Poznan è proseguito anche in avvio di seconda frazione dove ha tolto ancora la battuta all’azzurra (addirittura a zero), confermando poi il vantaggio (2-1). Tenendo finalmente in scioltezza un turno di servizio, Bronzetti ha interrotto a sette la striscia di game consecutivi vinti dalla sua avversaria (2-1), ma nel quinto gioco non è riuscita ad evitare il secondo break (4-1): un vantaggio incolmabile grazie al quale Linette ha firmato il 6-2 che ha riportato la Polonia in parità.

Purtroppo non sono riuscita a giocare il mio miglior tennis in questa partita – ha riconosciuto Lucia in conferenza stampa – ma è giusto attribuire i meriti anche alla mia avversaria che ha giocato molto bene ed è stata solida per tutto l’incontro. Comunque mi porto dentro due belle partite, e il fatto che come squadra siamo davvero molto uniti fra noi. Come ha ricordato capitan Santopadre, ognuno dà il suo massimo e questa è la cosa più importante. Il risultato è la conseguenza; quando uno dà tutto quello che ha è sempre una vittoria“.
Nel doppio misto decisivo Camilla Rosatello e Lorenzo Musetti hanno ceduto 61 62 ad Iga Swiatek ed Hubert Hurkacz, mentre su Brisbane si scatenava un autentico nubifragio che ha costretto anche ad interrompere un paio di volte il match per asciugare il terreno di gioco dall’acqua che filtrava dal tetto della Pat Rafter Arena.

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti