Trofeo del Gavettone al Ct Venustas: ecco le prime teste di serie

Concluso il torneo Open femminile del Gelso vinto da Rubina Marta De Ponti è già ora di tornare in campo al Circolo Tennis Venustas di Igea Marina che ospita da oggi il torneo nazionale di 3° categoria maschile, il trofeo del Gavettone. Notevole il dato della partecipazione, sono infatti ben 143 i giocatori al via in questa bella rassegna ferragostana. Ottima anche la qualità della partecipazione, visto che a capeggiare l’elenco dei favoriti ci sono alcuni giovani 3.1 come Pietro Vagnini ed Andrea Bacchini, oltre a Massimiliano Zamagni e Luca Grandi, a seguire i 3.2 Mattia Muraccini, Emanuele Giangiordano, Luca Acampora e Massimiliano Agnello. Si gioca il primo tabellone di selezione nel quale le teste di serie sono andate nell’ordine ai 4.1 Alessandro Bernardi, Carlo Castelvetro, Francesco Buono, Maurizio Maestri, Michele Moroni, Gioele Marconi, Alessandro Vallicelli, Diego Tarlazzi, Stefano Cenni, Stefano Palmitessa, Alberto Ferrari, Marco Bernardini, Matteo Errico, Daniele Friguglietti, Manuel Gentile, Andrea Rinaldi, Luca Di Giovanni, Emanuel Vannucci ed Enea Carlotti.

Il giudice di gara è Elisa Vandi, direttrice di gara Violanda Elezi.

OPEN SANTARCANGELO. Concluso il tabellone di 3° nel torneo nazionale Open femminile del Ct Casalboni di Santarcangelo (1.000 euro di montepremi). In grande evidenza Matilde Morri (Tc Viserba) che vince il derby romagnolo a livello giovanile su Chiara Dal Pozzo (Ct Massa).

Turno di qualificazione: Matilde Morri (3.5)-Chiara Dal Pozzo (3.1, n.3) 6-1, 2-6, 10-8, Anna Pierini (3.1, n.4)-Maria Vittoria Ranieri (3.2) 7-6, 6-1, Camilla Montenet (3.2)-Giulia Giorgi (3.1, n.6) 6-2, 7-5. Si qualificano per il tabellone finale anche Giulia Bancale (3.2), Veronica Tosi (3.2) e Sofia Cadar (3.2).

Il giudice di gara è Massimo Carli, direttore di gara Marcello Lotti.

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti