Riccardo Cicinelli

Trofeo “Aon” al Ct Zavaglia, ecco le prime teste di serie

E’ partito il torneo nazionale di 3°, maschile e femminile, organizzato dal Circolo Tennis Zavaglia, il trofeo “Aon”. Sono 65 i giocatori al via nel maschile, il seeding è guidato dai 3.2 Carlo Paci, Francesco Cervellera, Alberto Scafoletti, Riccardo Cicinelli, Giacomo Cermesoni, Matteo Mucciarella, Jacopo Gamberini e Claudio Vivani, seguiti dai 3.3 Ivan Gradini, Massimiliano Savarino, Moreno Menghetti, Giovanni Sandrini, Federico Gozzi ed Andrea Covezzi. Si parte con il primo tabellone di 4° nel quale le teste di serie sono andate nell’ordine ai 4.1 Luca De Vincenzi, Fabrizio Foronci, Simone Cristiano, Francesco Dal Borgo, Massimo Castori, Massimo Fabbri e Cristiano Pinna.

Nel femminile sono 22 le giocatrici al via, guidano le fila la 3.1 Annalisa Desimoni, le 3.2 Nicole Parti e Viola Becchio e le 3.3 Virginia Lodi e Valentina Benini.

Il giudice di gara è Benito Danesi, direttrice di gara Adele Valentini.

CT CORIANO. E’ scattato il tabellone finale nel torneo nazionale di 3° (limitato al 3° gruppo) del Circolo Tennis Coriano, il trofeo “Città di Coriano”. 1° turno tabellone finale: Juri Gabellini (3.5)-Massimiliano Pezzi (4.1) 6-1, 6-0, Marco Oliva (4.2)-Innocenzo Varvara (3.5) 6-7, 6-2, 10-8, Claudio Marcantoni (3.5)-Giuseppe Montanari (4.1) 6-7, 7-6, 10-7, Claudio Chiani (3.5)-Riccardo Tonti (4.4) 6-4, 6-2, Alessandro Dini (3.5)-Antonio Muratori (4.1) 6-2, 6-1, Federico Baldinini (3.5)-Lorenzo Massimo (4.1) 6-4, 3-6, 10-4, Thomas Gabellini (3.5)-Davide Pierini (4.1) 6-0, 6-3, Edoardo Pagnoni (3.5)-Lorenzo Accreman (4.1) 6-3, 6-1, Leonardo Sapucci (3.5)-Emanuel Vannucci (4.1) 6-3, 6-1, Thomas Del Bianco (3.5)-Michele Moretti (4.1) 6-0, 6-3, Alessio Simoncelli (4.1)-Sandro Marconi (3.5) 6-4, 2-6, 10-6.

Il giudice di gara è Galileo Guiducci, direttore di gara Alessandro Gallerani.

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti