Cerca
Close this search box.
Alessandra Sparnacci e Federica Cerri

Torneo Rodeo femminile al Tc Riccione: Arduini e Alessandra Sparnacci da battere

Sabato 5 e domenica 6 marzo il Tennis Club Riccione ospita il torneo nazionale femminile di terza categoria (limitato al 4° gruppo) organizzato con la formula Rodeo. Sono 24 le giocatrici in campo nella due giorni, il tabellone finale vede nel ruolo di principali teste di serie nell’ordine le 3.4 Agnese Arduini ed Alessandra Sparnacci, entrambe del Tc Riccione, a seguire le 3.5 Alice Gozzi ed Arianna Ovarelli. Si parte con un primo tabellone riservato alle Nc.
Il giudice di gara è Simone Lusini, direttrice di gara Federica Cerri.

“MINGORI” LADIES 40: CT RIMINI NEI QUARTI – Il Circolo Tennis Rimini ospita domenica (dalle 14.30) il Circolo San Martino Sport nei quarti del tabellone finale del torneo Ladies 40 nel trofeo regionale “Ivo Mingori”.

PREQUALI INTERNAZIONALI A RIMINI. Oltre cento tennisti della provincia di Rimini al via nelle Prequalificazioni di quarta categoria per gli Internazionali BNL d’Italia, ospitate dai campi del Circolo Tennis Rimini. Sono 66 gli iscritti per il singolare maschile, 27 per il singolare femminile e 18 per il doppio maschile tutti tassativamente tesserati per un circolo della provincia di Rimini.

Il giudice di gara è Paolo Calbi, direttore di gara Ahmed Rabie. Nel singolare maschile queste le teste di serie per il tabellone finale, nell’ordine i 4.1 Alberto Morigi, Pietro Rinaldini, Pietro Gianfrini, Alberto Amadio, Aldo Maria Zangheri, Andrea Milano, Paolo Raffaelli e Massimo Vannoni.
Nel singolare femminile sono 27 le giocatrici al via, tra queste le 4.1 Mirna Macchini e Cinzia Patrucco, la 4.2 Vittoria Muratori e le 4.3 Nicole Di Marco, Patrizia Pritelli e Sabina Raschini. Nel doppio maschile presenti nove coppie.

Immagini collegate:

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti