Torneo del Turista “Buffetti”: quarti per Valdinoci, Castellucci e Spada, nel femminile brilla Silvia Manzi

Si è allineato agli ottavi il tabellone maschile nella classicissima del tennis romagnolo e regionale, il 40esimo Torneo del Turista, trofeo “Buffetti”, organizzato dalla Polisportiva 2000 Cervia. Vola nei quarti sui campi di casa il n.1 del seeding, Lorenzo Valdinoci, in grande evidenza anche Jari Castellucci (Tc “Luigi Laghi” Forlimpopoli) e Valerio Spada (Ct Conselice). Nel femminile la prima a tagliare il traguardo dei quarti è stata l’imolese Silvia Manzi (Ct Cacciari).

Singolare maschile, 5° turno: Enrico Servadei (3.2, n.15)-Nicola Tocci (3.4) 6-4, 7-6 (3), Niccolò Iemmi (3.1, n.12)-Mattia Foschi (3.3) 6-4, 7-6 (3). Ottavi: Valdinoci-Francesco Cervellera (3.2, n.16) 6-4, 6-1, Jari Castellucci (3.1, n.9)-Simone De Luigi (3.1, n.8) 6-4, 6-2, Valerio Spada (3.4)-Marco Chiarello (3.1, n.6) 6-1, 6-1, Filippo Minotti (3.4)-Leone Spadoni (3.2) 1-6, 6-3, 12-10, Fabio Gibertini (3.2)-Massimiliano Agnello (3.1, n.10) 6-1, 1-0 e ritiro.

In marcia anche il tabellone femminile, approdato alla fase finale. 4° turno: Sveva Azzurra Pansica (2.8)-Federica Matteucci (3.4) 6-3, 6-1, Chiara Bartoli (3.1)-Silvia Sanna (2.8) 4-4 e ritiro, Olimpia Bergonzoni (2.8)-Beatrice Proli (3.2) 6-3, 6-3. Ottavi anche per Valentina Picchetti (3.2) e Giulia Baldoni (3.2).

Ottavi: Silvia Manzi (2.7, n.8)-Chiara Giorgetti (3.1) 6-1, 6-1.

Doppio maschile, 2° turno: Tincani-Tagliavini (n.1) b. Spadoni-Cicognani 6-2, 6-3, Fantini-Montanari b. Manco-Ercolani (n.16) 6-2, 6-1, Matteo e Simone Bezzi b. Sabatini-Venturi 6-4, 6-0, Galassi-Mazzotti b. Filippi-Gaspari 6-0, 6-1, Russo-Vagnini (n.5) b. Zanuccoli-Ricci 6-0, 6-0, Fabbri-Beraldo (n.3) b. Mattia e Filippo Foschi 6-0, 6-0, Riccardi-Celaj (n.2) b. Antonini-Stoppa 6-2, 6-1.

Il giudice di gara è Daniele Mingozzi, direttore di gara Andrea Rocchi.

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti