Cerca
Close this search box.
Giacomo Ercolani

Carlo Galli in semifinale nel memorial “Mario Cortesi”, quarti per Manco, Andruccioli, Parra, Ercolani, Vinetti e Valli

Carlo Galli è il primo semifinalista nel torneo nazionale di 3° organizzato dal Circolo Tennis Cervia, il memorial “Mario Cortesi”. Il portacolori del Tc Saliceta ha eliminato il n.1 del seeding, Flavio Millari, in grande evidenza negli ottavi Andrea Valli (Pol.2000 Cervia), recente vincitore del torneo di 3° del Forum Forlì.

Quarti di finale per Alessandro Manco, Luca Andruccioli, Filippo Parra, Giacomo Ercolani, Enea Vinetti ed Andrea Valli.

Maschile, ottavi: Alessandro Manco (3.1, n.4)-Fabrizio Foronci (3.3) 6-4, 6-2, Filippo Parra (3.1, n.6)-Gianfilippo Falconi (3.4) 6-3, 6-3, Luca Andruccioli (3.1, n.5)-Ugo Cicognani (3.3) 7-6, 6-0, Enea Vinetti (3.1, n.7)-Andrea Covezzi (3.5) 6-2, 6-1, Andrea Valli (3.1, n.2)-Nicola Tocci (3.3) 7-5, 6-2. Giacomo Ercolani (3.1, n.3) è nei quarti per il forfait di Giovanni Chiapponi (4.4).

Quarti: Carlo Galli (3.1)-Flavio Millari (3.1, n.1) 6-0, 6-0-

Il giudice di gara è Ottaviano Turci, direttrice di gara Gioia Barbieri.

RIMINI. Macina risultati il torneo nazionale di 4° categoria femminile organizzato dal Circolo Tennis Rimini, il trofeo “Golfetta”. Quarti per Anita Amadio (Tc Riccione), Cristina Carattoni ed Emma Pelliccioni del San Marino Tennis Club, Benedetta Patimo (Ct Rimini) e Margaret Tonelli (Ct Cerri).

Ottavi: Anita Amadio (4.2)-Carlotta Bondi (4.3) 7-6, 6-2, Margaret Tonelli (4.2, n.4)-Michela Maria Massanelli (4.3) 6-2, 6-0, Cristina Carattoni (4.2)-Viola Cuppini (4.2, n.5) 6-1, 6-1, Benedetta Patimo (4.2)-Sofia Marino (4.2) 6-3, 4-6, 10-2, Ginevra Baldazzi (4.2, n.3)-Camilla Rambelli (4.3) 6-2, 2-6, 10-4, Emma Pelliccioni (4.2)-Donatella Piccinini (4.2) 6-1, 6-0.

Il giudice di gara è Simone Lusini, direttore di gara Ahmed Rabie.

Immagini collegate:

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti