Cerca
Close this search box.
Il maestro Ronnj Capra con Sofia Cadar

Poker di vittorie in doppio per gli allievi della Ravenna Tennis Academy: ok Sara Aber, Ekaterina Cazac, Niccolò Satta, Sofia Cadar e Gaia Donati

Sara Aber, esce all’esordio, dopo essersi qualificata, nel tabellone principale del torneo Itf Junior Tour algerino di Algeri (J30, terra outdoor), l’International Hac. La ravennate portacolori del Ct Zavaglia, allieva della Ravenna Tennis Academy, è stata sconfitta 6-3, 3-6, 6-0 dall’algerina Farah Heddar (n.7). Partivano dai tabelloni principali altri due ravennati allievi della Ravenna Tennis Academy, Ekaterina Cazac che all’esordio ha battuto 6-3, 0-6, 6-3 la francese Alix Rios ed ora affronta la portoghese Carolina Mesquita (n.8), e Niccolò Satta che al 1° turno è stato sconfitto 7-5, 6-0 dal n.1 del seeding, il tunisino Ahmed Hassairi. Doppio femminile, 1° turno: Aber-Cazac b. Belamiri-Djezar (Alg) 6-0, 6-0. Quarti contro Abid-Soussi (Tun, n.1). Doppio maschile, 1° turno: Satta-Hameurlaine (Ita-Alg) b. Abid-Lahiem (Tun-Alg) 7-6 (4), 4-6, 12-10. Quarti contro Hassairi-Portugal (Tun-Por, n.1).

ISTANBUL. Sofia Cadar supera il 1° turno nel torneo Tennis Europe Under 14 turco di Istanbul, la “Soul Cup” (hard indoor), torneo di 2° categoria. La portacolori del Ct Massa, allieva della Ravenna Tennis Academy, ha battuto all’esordio la turca Sude Ulueren per 6-4, 6-4 ed al 2° turno affronta l’altra turca Minel Naz Kaynak (n.15). Doppio, 1° turno: Cadar-Pink (Ita-Est) b. Kose-Rubtsova (Tur-Rus) 6-3, 5-7, 11-9. Ottavi contro Barhacova-Kovackova (Svk-Cze, n.3).

BUCAREST. Gaia Donati negli ottavi in doppio nel torneo Tennis Europe Under 14 rumeno di Bucarest. La portacolori del Ct Zavaglia, allieva della Ravenna Tennis Academy, in coppia con Ludovica Casalino ha battuto 6-4, 6-0 le rumene Anghelescu-Trasca. Ora contro le altre rumene Boian-Preda (n.1).

Immagini collegate:

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti