Cerca
Close this search box.

Alessandro Pecci ed Andrea Picchione fanno subito la voce grossa nel torneo Itf francese di Bressuire

Andrea Picchione ed Alessandro Pecci avanzano nel tabellone principale del torneo Itf Men’s Future francese di Bressuire (15.000 dollari, hard indoor), l’Internationaux Masculins. Così al 1° turno: Pecci-Daniel Jade (Fra, wild-card) 6-2, 6-4, Picchione (n.3)-Brian Bozemoj (Ned) 6-1, 6-1. Negli ottavi il riccionese affronterà l’altro francese Amaury Raynel (n.7), mentre per Picchione c’è il rappresentante di Guadalupa, Oscar Lacides (qualificato).

Sunderland. Marcello Serafini brilla nel torneo Itf Men’s Future inglese di Sunderland (25.000 dollari, hard indoor), il “Lexus GB Pro-Series”. Il riccionese è il n.8 del seeding britannico ed al 1° turno ha battuto 6-3, 7-5 il locale James Davis (lucky-loser). Ora contro il francese Emilien Voisin.

Open Buscherini. Scatta giovedì una classica del tennis romagnolo, il 40° trofeo “Nanni Sport”, il torneo nazionale Open organizzato dalla Polisportiva Buscherini di Forlì, dotata di 1000 euro di montepremi. Sono ben 125 gli iscritti (con un taglio avvenuto a livello di 4.1), con una qualità ai vertici piuttosto elevata visto che i big sono il 2.2 Federico Bertuccioli, i 2.3 Alberto Morolli ed Alessandro Dragoni ed i 2.4 Antonio Marigliano, Boris Sarritzu e Sergio Badini. Al via anche giovani forlivesi dall’ottimo potenziale come i 2.5 Alex Guidi, Nicola Ravaioli, Nicola Filippi e Diego Bravetti. Si parte con la prima sezione che vede in campo i giocatori da 4.1 a 3.1, con queste teste di serie, nell’ordine i 3.1 Daniele Longo, Riccardo Pretolani, Sebastiano Mantovani, Beniamino Savini, Andrea Cogo, Enea Vinetti, Manuel Guerrieri, Andrea Bacchini, Jacopo Fiorini, Leone Spadoni ed Enea Castelvetro.

Il giudice di gara è Nicola Nanni, direttore di gara Adriano Verdini.

Immagini collegate:

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti