Cerca
Close this search box.

San Marino Junior Open: Mecarelli centra i quarti, Gaia Mais elimina la n.1 Scaldalai

Proseguono i match dell’undicesima edizione del San Marino Junior Open, evento ITF under 18 organizzato dalla Federazione Sammarinese Tennis sui campi del Centro Tennis Cassa di Risparmio.
Nel mercoledì dedicato agli ottavi di finale di singolare e doppio hanno staccato il pass per i quarti il n.1 del tabellone maschile Michele Mecarelli, che ha liquidato con un doppio 6-3 Matteo Gribaldo, Davide Ciaschetti (6-2 6-2 a Barbalaco) e il n.3 Filippo Pecorini, vittorioso col punteggio di 6-4 6-3 sul tedesco Felix Triquart.
Avanzano anche Mattia Cappellari (7-5 6-2 ad Estevez) e William Mirarchi, seconda testa di serie, che ha superatro in rimonta il siciliano Riccardo Surano (3-6 6-0 6-4 lo score). Prosegue la propria avventura sul Titano anche il mancino canadese Benjamin Azar, che estromesso la sesta scelta del seeding Lorenzo Berto in due set (7-5 7-6).
In campo femminile cade la principale favorita del tabellone, Emma Scaldalai, piegata da Gaia Mais con un netto 6-1 7-5, mentre accede ai quarti senza problemi la russa Ksenia Ruchina (n.2) grazie al perentorio 6-1 6-1 ai danni di Jennifer Scurtu. Bene anche Virginia Proietti (6-1 6-2 alla lettone Rozkaline) e la qualificata Gloria De Santis, che ha eliminato l’ottava testa di serie, l’ucraina Mariya Yemshanova (6-4 6-2).

Nel doppio si qualificano per i quarti di finale senza giocare le sammarinesi Alletti e Giardi in seguito al ritiro delle avversarie Conde e Quesada.
Il programma prevedeva anche l’esordio in doppio di un altro tennista di casa, Mattia Muraccini. Il sammarinese, in coppia con l’americano Montague, ha sfidato il duo Carpano-Mirarchi, prima testa di serie, che si è imposto con un doppio 6-2.

Le sammarinesi Talita Giardi e Silvia Alletti
Le sammarinesi Talita Giardi e Silvia Alletti

Immagini collegate:

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti