Open femminile del Tc Viserba: quarti per Lombardini, Amati, Tozzola e Balducci

Si è allineato ai quarti, in programma oggi dalle 16.30, il torneo nazionale Open femminile organizzato dal Tennis Club Viserba. Le prime a conquistare un posto tra le prime otto sono state Marta Lombardini, beniamina di casa, e Shalom Salvi (Sporting Club Sassuolo), seguite, tra le altre, da due brillanti giocatrici del Ct Cacciari Imola, Martina Balducci e Giulia Tozzola, e da Evelyn Amati (Ct Casalboni).
Ottavi: Shalom Salvi (2.8)-Sara Aber (3.1) 6-2, 6-3, Marta Lombardini (2.6, n.2)-Giorgia Benedettini (3.2) 6-0, 6-0, Martina Balducci (2.6, n.1)-Sandy Mamini (2.8) 6-2, 6-1, Elena Pellicani (2.7, n.4)-Stella Cassini (3.1) 6-3, 6-2, Giulia Tozzola (3.1)-Sveva Azzurra Pansica (2.7) 6-0, 6-0, Evelyn Amati (2.7)-Clara Marzocchi (2.7) 7-6, 6-3, Alice Gubertini (2.6, n.3)-Elene Tola (2.8) 6-2, 6-3. Quarti anche per Giulia Bancale (3.2).

Intanto è partito sabato il torneo nazionale Open maschile dotato di 3.000 euro di montepremi, il memorial “Cristian Cavioli”. Si parte con il tabellone di quarta categoria, a seguire il tabellone di terza dove i big sono nell’ordine i 3.1 Matteo Stefanini, Giacomo Ercolani, Pietro Ricci, Tommaso Filippi, Alessandro Fiocchi, Pietro Vagnini, Simone Piraccini e Jari Castellucci.
Turno di qualificazione: Jorge Andres Zuluaga Torres (4.2)-Andrea Milano (4.1, n.1) 4-6, 6-2, 10-3, Jacopo Montoneri (4.3, n.1)-Jacopo Liverani (4.2) 6-2, 6-1, Francesco Muratori (4.1, n.5)-Rossano Panichi (4.2) 6-3, 3-6, 14-12, Matteo Silvagni (4.2)-Maurizio Maestri (4.1, n.7) 6-0, 6-3, Alessandro Cortesi (4.1)-Stefano Iandoli (4.1, n.9) 7-5, 6-1, Gioele Marconi (4.1, n.6)-Marco Torri (4.2) 6-2, 7-5, Lorenzo Massimo (4.1)-Andrea Pacchioni (4.1, n.10) 6-3, 6-0. Passano il turno anche Enea Carlotti (4.1, n.2), Manuel Gentile (4.1), Francesco Buono (4.1) e Carlo Castelvetro (4.1, n.4).

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti