Vittoria Modesti al Cairo

Nell’Itf Women’s Tour di Heraklion continua la bella corsa di Vittoria Modesti (Tennix)

Alberto Morolli battuto all’esordio nel torneo Itf Men’s Future greco di Heraklion (15.000 dollari, hard outdoor). Il riminese è entrato in tabellone con una wild-card ed al 1° turno ha ceduto 6-3, 6-1 al tedesco Leopold Zima. Nel contemporaneo torneo Itf Women’s Tour femminile bel successo di un’allieva di Tennix a Porto Fuori, Vittoria Modesti (n.6), che si è qualificata battendo 6-2, 6-2 la slovacca Karolina Krajmer e poi si è ripetuta ai danno dell’uzbeka Sevil Yuldasheva, altra qualificata, sconfitta 6-0, 6-3. Ora ottavi contro l’ucraina Oleksandra Oliynykova (n.8). Doppio, 1° turno: Modesti-Fornasieri b. Fuchs-Schaeder (Aut-Ger) 6-3, 1-6, 13-11. Quarti contro le greche Korokozidi-Pavlou.

SHARM EL SHEIK. Il sammarinese Marco De Rossi esce di scena all’esordio nel tabellone principale nel torneo Itf Men’s Future egiziano di Sharm El Sheik (15.000 dollari, hard outdoor). Il Titano è stato sconfitto 7-6 (0), 6-2 da Massimo Giunta, proveniente dalle qualificazioni. Niente da fare anche per Lorenzo Rottoli (Ct Massa), n.4 del seeding, eliminato al 1° turno dal rappresentante di Taipei Chien Hsun Lo, per 6-1, 3-6, 7 -5. Doppio, 1° turno: De Rossi-Rottoli (n.1) b. Augenti-Chepik (Ita-Rus) 6-3, 6-4. Quarti contro Bassem Sobhy-Elsayed (Egy).

DUBROVNIK. Lorenzo Angelini esce di scena al 2° turno nel torneo Itf Junior Tour croato di Dubrovnik (Grade 3, terra). Il portacolori del Tennis Villa Carpena, n.7 del seeding, ha battuto all’esordio il montenegrino Simon Knezevic per 6-2, 6-4, poi ha ceduto 5-7, 6-3, 6-3 all’ucraino Tymofii Milovanov (wild-card). Per il riminese Mattia Ricci 2° turno contro lo spagnolo Felipe Virgili Berini (n.4). Doppio, 1° turno: Angelini-Stirbu (Ita-Rou, n.3) b. Jurisic-Klaic (Cro) 6-1, 6-1. Quarti contro Ducariu-Turcanu (Ger-Rou).

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti