Giorgio Galimberti con il figlio Pietro

Joma Tour al Tc Riccione, doppietta di Emmanuele Bomba, nell’Under 10 si qualificano Arcangeli e Galimberti

Il Tennis Club Riccione ospita in questi giorni una bella tappa del circuito “Joma Junior Tour” Under 10-12-14-16, maschile e femminile. In bella evidenza Emmanuele Bomba (Ct Cicconetti) che avanza sia nell’Under 12 che nell’Under 14, nell’Under 10 maschile si qualificano Pietro Galimberti e Riccardo Arcangeli.

Nel primo tabellone Under 10 maschile, riservato agli Under 9, turno di qualificazione: Pietro Galimberti-Diego Gentile 6-4, 6-3, Riccardo Arcangeli-Diego Barchi 6-3, 6-2. Under 10 femminile, 1° turno: Rachele Franchini-Petra Salvi 6-1, 6-1.

Nell’Under 12 maschile 2° turno: Enrico Curiazio-Yari Mussoni 6-2, 7-5, Tommaso Brandano-Gian Nicola Lonfernini 6-4, 1-0 e ritiro, Ian Catallo-Nicolò Brugioni 6-1, 6-2. 3° turno: Tommaso Righetti-Alessandro Minguzzi 6-1, 6-1, Alessandro De Pascalis-Jacopo Canini 6-2, 6-0, Emmanuele Bomba-Francesco Camagni 6-0, 6-0, Tommaso Buldrini-Filippo Albarello 6-4, 6-0.

Nell’Under 12 femminile la n.1 è Diletta Sabbioni, n.2 Lavinia Porisini, entrambe del Tc Riccione. 2° turno: Bianca Solazzi-Edith Valenti 6-3, 6-2, Anna Parmeggiani-Eleonora Maria Ciuffoli 6-4, 6-4.

Nell’Under 14 femminile 3° turno: Maria Vittoria Salvatori-Martina Castellani Mena 6-3, 6-1, Giada Fortini-Laura Gentili 6-2, 6-4.

Nell’Under 14 maschile 3° turno tabellone di 4°: Diego Pensalfini-Michele Faetanini 6-1 e ritiro, Gianfilippo De Palma-Francesco Bagli 3-6, 6-2, 10-8, Emmanuele Bomba-Filippo Quadrelli 6-0, 6-3, Luca Lorenzi-Tommaso Buldrini 6-4, 6-0.

Nel tabellone finale dell’Under 16 maschile n.1 Andrea Bacchini, n.2 Federico Strocchi, entrambi del Tc Riccione. 2° turno: Matteo Maria Colombo-Filippo Franceschi 6-4, 7-5.

Nell’Under 16 femminile la giocatrice da battere è Vittoria Muratori (CT Rimini).

Il giudice di gara è Simone Lusini, direttore di gara Moreno Pecci.

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti