Jacopo Bilardo

Itf Nabeul: Jacopo Bilardo dalle qualificazioni agli ottavi

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Il forlivese Jacopo Bilardo entra a vele spiegate nel tabellone principale, dove passa anche il 1° turno, nel torneo Itf Junior Tour tunisino di Nabeul (terra, outdoor, Grade 5), il “T.C. Les Trieres”. Nelle qualificazioni esordio facile (6-1 6-1) contro il locale Maher Bouars, al 2° turno altro successo su un giocatore locale, Annas Bennour Dit Sahli (n.8), per 6-2 6-2. Nel 3° e decisivo turno di qualificazione il portacolori del Ct Massa Lombarda ha battuto 7-6, 7-5 l’olandese Kyvan Rietkerk (n.3). Al debutto nel main draw contro il tunisino Fedi Mlika, il forlivese ha ottenuto un’altra bella vittoria, questa volta per 6-2, 6-1. Al 2° turno per il romagnolo c’è il derby azzurro con Lorenzo Sciahbasi. Doppio, 1° turno: Bilardo-Sciahbasi contro Biagiotti-Gandolfi (Den-Ita, n.3).

OPEN BORGOTREBBIA: TANTI ROMAGNOLI IN GARA – Diversi giocatori romagnoli risultano iscritti al torneo nazionale Open del Circolo Sd Borgotrebbia, nel piacentino, al via dal 26 marzo. Si tratta del 26° trofeo “Golden Eagle”. Si avvicinano i campionati a squadre di serie C e B e quindi molti giocatori e giocatrici vogliono incominciare a mettere insieme più incontri possibili.
Nel maschile al via i 2.6 ravennati Umberto Crocetti Bernardi ed Edoardo Lanza Cariccio (Ct Zavaglia), l’altro 2.6 Alessandro Bagnara (Tozzona Tennis Park Imola), il 2.7 Lorenzo Beraldo (Tc Faenza), i 2.8 Mattia Barbarino (Ct Casatorre), Marco Nanni e Matteo Bezzi (Marina Sport Center).
Dal 31 marzo scatta, sempre sui campi del Borgotrebbia, il torneo femminile dove spicca la presenza delle 2.7 Annagiulia Danesi (Tc Riccione) e Flora Perfetti (Ass.Ricreativa Sd Borgotrebbia) e della 2.8 Olimpia Bergonzoni (Tc Faenza).

Lorenzo Beraldo
5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti