Andrea Picchione con Giorgio Galimberti e Federico Bertuccioli

ITF Gaiba: Bertuccioli va ad energia… verde, il buio ferma Picchione

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Continua il momento positivo degli allievi della Galimberti Tennis Academy, anche sul fronte internazionale. Nella prima edizione degli Internazionali di tennis su erba, tappa del circuito ITF maschile con montepremi da 15.000 dollari in corso sui campi green dell’ASD Tennis Club Gaiba (in provincia di Rovigo), hanno infatti superato le qualificazioni sia Federico Bertuccioli che Andrea Picchione, con il primo ad esordire positivamente anche nel tabellone principale e il secondo fermato dall’oscurità.

Il 22enne di Pesaro, che in aprile in due settimane consecutive a Shymkent (Kazakistan) era stato capace di raggiungere prima i quarti e poi gli ottavi sempre partendo dalle qualificazioni, ha debuttato regolando con un periodico 6-4 Patric Prinoth e nel turno decisivo ha sconfitto 7-6 (4) 6-0 Lorenzo Bocchi, quinta testa di serie delle “quali”, staccando il pass per il main draw, dove in uno degli ultimi incontri del programma di mercoledì ha superato per 6-7(4) 6-2 6-4, dopo due ore e 18 minuti di gioco, il belga Alexander Hoogmartens.

Dal canto suo il giocatore aquilano, allievo dell’ex davisman e del suo staff a Cattolica che ha aperto il mese di giugno conquistando il prestigioso torneo Open del Match Ball Firenze (8000 euro di montepremi), ha eliminato per 6-3 7-5 Davide Pozzi e nel match che valeva un posto in tabellone si è imposto in rimonta, con il punteggio di 3-6 6-2 10-8, sul giovane riccionese Alessandro Pecci, facendosi dunque un bel regalo per i 23 anni compiuti proprio lunedì. Picchione è stato abbinato dal sorteggio al tedesco Tobias Simon, secondo favorito del torneo, una sfida sul filo dell’equilibrio e interrotta per oscurità sul 5-7 7-6 5-5, con prosecuzione giovedì.

Proprio il vincente di questo confronto sarà l’avversario di Bertuccioli al secondo turno.

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti