Al via il torneo di 3ª del Misano Sporting Club: Andrea Bacchini è il giocatore da battere

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Scatta sabato 14 maggio il torneo nazionale di 3ª categoria maschile del Misano Sporting Club. Sono 61 i giocatori al via, i big sono sicuramente il 3.1 Andrea Bacchini (Tc Riccione) ed i 3.2 Andrea Leurini e Pietro Spezi ed i 3.3 Gianluca Vannucci, Francesco El Dakhloul, Alessio Marcantognini, Francesco Preziosi, Pasquale Schiavone, Giovanni Maria Monti ed Isaac Casalboni.

Sorteggiato intanto il tabellone di 4ª categoria dove le teste di serie sono state affidate nell’ordine ai 4.1 Federico Mieli, Federico Magnani, Nicolò Santi, Alessandro Gostoli, Alessandro Bernardi, Dario Zamagna, Andrea Bonetti ed al 4.2 Enea Carlotti.

Il giudice di gara è Paolo Calbi, direttore di gara Giovanni Pentucci.

VETERANI A BELLARIA – E’ partito il torneo nazionale Veterani Over 45-55 e Ladies 40 sui campi del Maretennis di Bellaria, tappa del circuito regionale. Nell’Over 45 (14 iscritti) teste di serie affidate nell’ordine al 2.8 Giovanni Farolfi ed al 3.1 Andrea Carotenuto.
1° turno: Daniele Lusini (4.1)-Matteo Vaccari (4.1) 6-3, 6-0.

Nell’Over 55 (33 al via) teste di serie nell’ordine ai 3.2 Francesco Piovani, Leonardo Bertozzi ed ai 3.3 Riccardo Falcone e Davide Baiardi.
3° turno: Giuseppe Massari (4.2)-Fulvio Fracassi (4.2) 6-4, 7-5, Bruno Navacchi (4.3)-Carlo Alberto Brunelli (4.4) 6-2, 6-0.
4° turno: Claudio Riciputi (4.3)-Stefano Cesarini (4.3) 6-0, 6-1, Mario Russo (4.2)-Pier Matteo Montanari (4.1, n.4) 6-1, 6-3, Adriano Amadio (4.2)-Marcello Gasperini (4.5) 6-2, 6-2.

Nel tabellone Ladies 40 (limitato alle 3.1) n.1 Arianna Baldisserri (3.2), n.2 Manila Dall’Agata (3.3).
Turno di qualificazione: Cinzia Patrucco (4.1, n.1)-Fulvia Pellini (4.5) 6-0, 6-0.

Il giudice di gara è Maria Cristina Maso, direttore di gara Gioel Eramo.

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti