Federico Bondioli e Lucia Bronzetti a Genova prima dei campionati a squadre

A1: che doppiette per Serafini, Dalla Valle, Bondioli e Lucia Bronzetti che si prende una doppia rivincita sulla greca Grammatikopoulou

I giocatori romagnoli con un ruolo di primo piano nei play-off e nei play-out del campionato di A1. Il Tc Rungg Sudtirol di Federico Gaio ha ceduto in casa 2-4 al Ct Palermo nel match di andata delle semifinali. Per il faentino doppia sconfitta, in singolare contro Salvatore Caruso per 4-6 6-3 6-2, ed in doppio, con Sebastian Brzezinski, contro Caruso-Gomez Herrera per 7-6 (5) 6-4.

Nell’altra sfida bella doppietta invece per il riccionese Marcello Serafini nel Tc Sinalunga Siena vincitore per 4-2 sui campi del Park Tennis Genova. Il romagnolo ha battuto nel suo singolare Luigi Sorrentino per 7-6 (2) 6-0 e poi in doppio, con lo spagnolo Oriol Roca Batalla, si è imposto per 6-3 6-2 su Ceppellini-Cortimiglia.

Dai play-off ai play-out. Il romagnolissimo Sporting Club Sassuolo è andato a vincere 5-1 sui campi del Tc Genova: a segno nelle fila del club emiliano il ravennate Federico Bondioli su Gianluca Cadenasso (6-1 6-3), sconfitto il riminese Mattia Ricci per mano di Francesco Picco (6-1 6-3), mentre il ravennate Enrico Dalla Valle si è imposto sul francese Antoine Escoffier (2-6 6-2 6-4) e il doppio Dalla Valle-Bondioli ha prevalso su Arnaldi-Escoffier per 7-5 3-6 10-8.

Nei play-out femminili super doppietta di Lucia Bronzetti che trascina alla vittoria il Tc Genova per 3-1 sull’At Verona Falconeri. In singolare la verucchiese ha superato 6-4 6-2 la greca Valentini Grammatikopoulou, dalla quale era stata sconfitta in finale nel Wta 125 di Vancouver, poi in doppio con Denise Valente ha regolato Grammatikopoulou-Moratelli per 6-3 7-5.

Battuto in casa il Bal Lumezzane della riminese Rubina De Ponti per 4-0 dal Tc Italia di Forte dei Marmi: per la romagnola sconfitta in singolare contro Claudia Giovine (6-2 6-4) ed in doppio con Chiara Catini contro Bertacchi-Paolini per 6-2 6-2.

Rubina De Ponti Open Sirmione
Rubina De Ponti in azione (foto Antonello Perin)
5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti