FIP Rise Riccione: Le coppie finaliste maschile con il direttore del torneo Luigi Capodagli e Matteo Gusella (Plastile)

Padel Club Riccione: “L’esordio internazionale? Una scommessa vinta”

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

I complimenti dei diretti protagonisti, molti dei quali frequentatori abituali anche degli eventi World Padel Tour, sono il riconoscimento più significativo. La ‘prima volta’ del Padel Club Riccione sulla ribalta internazionale è davvero di quelle che non si dimenticano: il torneo FIP Rise trofeo ‘Plastile’ (maschile e femminile), tappa del Cupra FIP Tour 2021 con montepremi complessivo di 5100 euro andata in scena da giovedì 27 a domenica 30 maggio, alla prova dei fatti è stato un successo su tutta la linea (tecnico, organizzativo e di presenza di pubblico).

E’ stato un week-end perfetto, con belle giornate, giocatori e giocatrici di alta qualità e davvero tanto pubblico, in particolare femminile, ad assistere agli incontri e a vivere gli ampi spazi all’aperto del nostro circolo, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza anti-Covid – sottolinea Moreno Pecci, presidente del Tennis Club Riccione nei cui spazi sorgono i campi con le pareti – Teo Zapata ci ha lasciato in consegna al circolo la coppa del vincitore, che simboleggia il nostro stato d’animo per un evento di successo, che cercheremo in tutti i modi di replicare. Siamo veramente soddisfatti, soprattutto perché si sta dimostrando una volta di più la complementarietà fra tennis e padel. Sempre più giovani frequentano il nostro circolo e le richieste sono in continuo aumento: a giorni inaugureremo il campo in sintetico, che ci consentirà un ulteriore salto di qualità, ma ne servirebbero ancora di campi per poter accontentare la domanda. Vedremo come fare anche in accordo con l’amministrazione comunale”.

Alla riuscita della manifestazione ha contribuito in maniera considerevole l’apporto degli sponsor, su tutti il main sponsor Plastile. “L’evento è riuscito in maniera perfetta e sono state delle bellissime giornate il commento di Matteo Gusella, Ceo della ditta Plastile, intervenuto domenica per le premiazioni – caratterizzate da partite combattute e di notevole spessore tecnico, per la gioia degli appassionati. Sicuramente una soddisfazione non da poco per noi frequentatori del club. E’ bello quando le aziende riescono ad aiutare lo sport, in questo caso particolare il padel, disciplina che sta riscuotendo sempre più consensi e, devo ammetterlo, entusiasma anche il sottoscritto”.

FIP Rise Riccione: Capodagli e Gusella con vincitrici Stellato-Tommasi
Luigi Capodagli e Matteo Gusella (Plastile) con le vincitrici Stellato-Tommasi

A tirare le somme del torneo FIP Rise non può che essere chi nella Perla Verde lo ha fortemente voluto e ha seguito a 360 gradi gli aspetti organizzativi, prima e durante il suo svolgimento. “Sono state giornate intense e faticose ma altrettanto gratificanti per chi come noi ama profondamente questo sport. Tutto è filato via liscio, senza particolari intoppi – afferma Luigi Capodagli, direttore del torneo, tracciando un primo bilancio – Il tabellone femminile ha avuto un epilogo a sorpresa con il primo titolo internazionale di Stellato-Tommasi, capaci di imporsi in rimonta sulle favorite Pappacena-Paz: evidentemente la nostra città porta bene e fa rendere al massimo la giocatrice romana, che vinse proprio il nostro primo Open. Sono poi felice del successo della coppia Zapata-Gadea per lo speciale rapporto personale che mi lega a Teo: hanno giocato un gran match in semifinale contro Capitani-Duran, poi in finale anche se un po’ tesi e contratti sono riusciti ad avere ragione di una coppia assai ben assortita. Devo fare i complimenti a Nicolò Cotto per i progressi dimostrati: eccellente nelle volée e nei cambi di ritmo e da sopra fa male. Insomma, è stata una finale fra giocatori veri. Siamo contenti di come è andata la manifestazione: Riccione si è dimostrata pronta per un evento di questa portata”.

Si può dire insomma che i dirigenti del Padel Club Riccione, realtà giovane ma ambiziosa e in crescita, hanno vinto la loro scommessa di portare il circuito organizzato dalla Federazione Internazionale Padel per la prima volta in Emilia Romagna. “Per impegni dell’ultim’ora il presidente della FIP, Luigi Carraro, non è riuscito ad essere con noi, però è doveroso riconoscere che sta ottenendo risultati solo fino a poco tempo fa impensabili, come testimonia la recentissima ammissione del padel nel programma dei Giochi Europei a partire dall’edizione 2023. Inoltre l’Emilia Romagna con i suoi settemila tesserati è la seconda regione in Italia dopo il Lazio, in cui Roma la fa naturalmente da padrona come numeri. E’ chiaro, però, che per poter mettere in scena eventi così prestigiosi abbiamo bisogno delle aziende, per cui il nostro ringraziamento va a Matteo Gusella, Ceo di Plastile, che con la sua partnership ha reso possibile allestire il torneo, così come un sincero grazie va a Moreno Pecci, presidente del Tennis Club Riccione per la disponibilità nel metterci a disposizione la struttura – conclude Capodagli – e la fiducia incondizionata che ripone in noi”.

Padel Club Riccione: presentazione torneo FIP Rise Plastile
Michele Cotelli, Moreno Pecci ed Edoardo Berardi, dietro il maestro Antonio Mami e Luigi Capodagli
5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti