US Open: Gaio e Travaglia a un passo dal tabellone principale

Federico Gaio ha raggiunto il terzo e decisivo turno delle qualificazioni agli US Open, quarto ed ultimo Slam della stagione che – per quanto riguarda i tabelloni principali – scatta lunedì 27 agosto sui campi in cemento di Flushing Meadows a New York (montepremi complessivo $53.000.000).

Il 26enne tennista di Faenza, attualmente numero 241 della classifica mondiale, dopo aver eliminato all’esordio il ceco Lukas Rosol, numero 202 Atp, ha sconfitto anche per 64 63 il giapponese Hiroki Moriya, 27enne di Tokyo, numero 200 del ranking. Il romagnolo, che disputa il campionato di serie A1 con il Circolo Tennis Massa Lombarda, si giocherà quindi un posto nel tabellone principale del Major della Grande Mela con l’argentino Marco Trungelliti, numero 142 del ranking Atp e 27esima testa di serie delle “quali”.

Federico Gaio

Tra i tre tennisti azzurri in corsa per il main draw (erano 14 al via: partecipazione record, solo gli Stati Uniti hanno più rappresentanti, 16, ma con 9 wild card) c’è anche Stefano Travaglia, altro giocatore di punta del team targato Oremplast del Circolo Tennis Massa Lombarda: il 26enne di Ascoli Piceno, numero 141 del ranking mondiale e 26esima testa di serie delle “quali”, dopo aver fatto suo il derby tricolore con Matteo Donati (63 62), ha superato in rimonta per 46 63 64 lo statunitense Evan King, numero 230 Atp, e ora nella sfida decisiva trova dall’altra parte della rete il 38enne domenicano Victor Estrella Burgos, attualmente numero 265 Atp ma fino a un anno fa stabilmente fra i Top 100.  

Stefano Travaglia, giocatore di punta del team di A1 del CT Massa Lombarda

Il secondo turno è stato invece fatale a Thomas Fabbiano, numero 110 del ranking e settima testa di serie delle “quali”, fino alla scorsa stagione in forza al team di Massa Lombarda (ora è passato al Tc Parioli): dopo aver battuto 62 75 l’austriaco Lucas Miedler, il 29enne nato a Grottaglie è stato battuto 64 61 dallo statunitense JC Aragone, numero 257 Atp. 

Stop al secondo turno anche per il bolognese Simone Bolelli, numero 144 della classifica mondiale e 29esima testa di serie delle “quali”: dopo la sofferta affermazione d’esordio sull’austriaco Max Neuchrist (75 57 75), il 32enne di Budrio ha ceduto per 06 64 62 all’altro yankee Donald Young, numero 242 Atp.

Per quanto riguarda il main draw sono 5 gli azzurri presenti: Fabio Fognini, testa di serie numero 14, Marco Cecchinato, numero 22 del seeding, Andreas Seppi, Matteo Berrettini e Paolo Lorenzi.

QUALIFICAZIONI MASCHILI

 

 

5/5

More to explorer

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti