Tc Faenza: scatta il memorial “Matteo Cavina”, la squadra A in casa il 19 maggio contro la Virtus Bologna nei play-off di serie C

Scatta sabato il memorial “Matteo Cavina”, il torneo di 3° e 4° categoria, maschile e femminile, organizzato dal Tc Faenza. Nel maschile di 4° al via 83 giocatori con i 4.1 Enrico Ranzi, Gian Marco Cova, Antonio Battaglia, Tommaso Servadei, Luigi Medri, Enrico Carli Moretti, Gabriele Quercioli, Raffaele Mazzoli, Filippo Foschi, Andrea Neri, Alessandro Maccaferri e Massimo Callegati. Nel 3° maschile (33 al via) guidano le fila i 3.1 Enrico Carnevali (Tc Faenza) ed Edoardo Lanza Cariccio, a seguire i 3.2 Ugo Cicognani e Leonardo Fabbri del Tc Faenza e Giacomo Caroli. Nel 3° femminile tutte dietro alla 3.2 Ludovica Fiorini ed alla 3.3 Ludovica Mei, a seguire le 3.4 Arianna Maltese, Paola Mordini e Virginia Lodi.

Intanto sarà la Virtus Bologna la prima avversaria della squadra A del Tennis Club Faenza in Serie C maschile. Sorteggio non proprio benevolo, dato che la squadra del prestigioso circolo bolognese in realtà aveva concluso il proprio girone in testa, a pari merito col Cus Ferrara, vedendosi poi assegnare il secondo posto solamente tramite il sorteggio. L’incontro si disputerà sui campi di via Medaglie d’oro domenica 19 maggio, con inizio alle 9. Dopo le tre agevoli vittorie nel girone (tutte per 6-0), ora per i ragazzi capitanati dal maestro Enrico Casadei (nella foto Edoardo Pompei e Roberto Zanchini) i match si faranno sicuramente più interessanti. Nel caso di un eventuale passaggio del turno, rimarrebbe un’ulteriore partita per la qualificazione al tabellone nazionale, contro la vincente tra il Cus Ferrara e il Nettuno Bologna. Sempre domenica 19 maggio impegno di caratteristica opposta per la neo-promossa squadra B del Tennis Club Faenza, che in trasferta contro il Tc Bagnacavallo, in uno scontro senza appello, giocherà per la permanenza in categoria. Per i giovani allievi e compagni di squadra del maestro Marco Poggi sarà un match duro, ma non impossibile.

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti