Matteo Trasforini inarrestabile: semifinale a Marina

Matteo Trasforini davvero in gran spolvero sui campi di casa, dove è approdato alle semifinali del torneo di terza categoria del Marina Sport Center, l’11° trofeo “So.Na.D”, insieme con Enea Castelvetro e Nico Gnoli. Semifinali dove è già posizionato da tempo il 3.1 ravennate Riccardo Foschini, portacolori proprio del Marina Sport Center, accreditato della prima testa di serie e campione in carica.

Trasforini, classificato 3.5, dopo aver fatto suo negli ottavi il derby del Marina Sport Center con Giovanni Chiapponi, ha messo a segno un altro bel “positivo” nei quarti battendo 6-4 6-3 il 3.3 Giovanni Sandrini (Ct Villa Bolis). Bene anche Nico Gnoli (Ct Cesena), che ha estromesso il 3.2 Alberto Scafoletti, numero 2 del seeding, così come Castelvetro, che in rimonta ha eliminato il 3.3 Federico Pignatta, quarta testa di serie.

Nel torneo femminile raggiunge i quarti un’altra giocatrice di casa, Beatrice Natali e brilla anche la giovanissima lughese Asia Bacchilega (Ct Easy Tennis), mentre vola in semifinale Francesca Bertuzzi, portacolori dell’Under Tennis Massa.  

Cesare Guiotto, presidente del Marina Sport Center

RISULTATI

Maschile, quarti: Matteo Trasforini (3.5)-Giovanni Sandrini (3.3, n.3) 6-4 6-3, Nico Gnoli (3.4)-Alberto Scafoletti (3.2, n.2) 6-1 6-3, Enea Castelvetro (3.5)-Federico Pignatta (3.3, n.4) 0-6 7-5 6-3.

Ottavi: Matteo Trasforini (3.5)-Giovanni Chiapponi (3.4) 6-1 6-1, Giovanni Sandrini (3.3, n.3)-Alessandro Degli Esposti (4.1) 6-2 6-4, Nico Gnoli (3.4)-Moreno Menghetti (3.4) 6-2 6-2. Quarti anche per Enea Castelvetro (3.5).

Femminile, quarti: Francesca Bertuzzi (3.3)-Anna Morgillo (3.2) 7-5 6-3.

Ottavi: Asia Bacchilega (3.3)-Lara Alberighi (3.4) 6-1 6-3, Lucrezia Vagnini (3.4)-Anita Picchi (3.4) 6-3 6-3, Beatrice Natali (3.5)-Clara Sansoni (3.4) 7-6 (4) 6-3. 

I TABELLONI

 

Scatta il 10° trofeo ‘So.Na.D’ al Marina Sport Center

 

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti