Serie A1 femminile: Faenza ospita la corazzata Lucca

Per la quarta giornata della serie A1 femminile, domenica 4 novembre alle ore 10 il Tennis Club Faenza riceve la visita del Circolo Tennis Lucca Vicopelago, capolista del girone ed unica squadra ancora imbattuta di tutta la massima serie. Un impegno quindi improbo per la formazione di capitan Mirko Sangiorgi, che finora ha conseguito una bella vittoria casalinga contro Casale e due sconfitte esterne contro la stessa Lucca e a Genova domenica scorsa.

Lucca è una neo-promossa candidata alla vittoria dello scudetto, tant’è vero che ha deciso di organizzare nel proprio palasport le finali del campionato italiano. Il suo organico è una vera e propria corazzata, che ha la sua atleta di punta in Jasmine Paolini, elemento della nazionale di Federation Cup. Come numeri 2 e 3, il team toscano schiera le sorelle Jessica e Tatiana Pieri, ma dispone anche di altri due elementi interessanti quali Anna Giulia Remondina ed Alice Matteucci. 

In questo collage fotografico le giocatrici della squadra faentina

Faenza dovrà quindi dare il massimo per giocarsela con la squadra toscana, come peraltro ha già fatto all’andata, sfiorando il 2-2 prima di perdere l’incontro di doppio al super tie-break. Del resto già più volte in passato Scala e compagne hanno scritto pagine entusiasmanti e, soprattutto in casa, hanno messo in difficoltà anche compagini superiori a loro.

Nel momento forse più difficile degli ultimi cinque anni, la tifoseria faentina chiede quindi alle ragazze di tirare fuori quell’orgoglio e quel cuore che le ha sempre caratterizzate, senza paure e senza fare calcoli di classifica, che al momento è la seguente: Lucca 7; Genova 5; Faenza 3; Casale 1. Prime due alle semifinali scudetto; terza e quarta ai playout salvezza.

Tennis Club Faenza: sfuma sul filo di lana la promozione in serie B

 

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti