Serie A padel: Misano Sporting Club senza scampo con la Canottieri Aniene

Niente da fare per il Misano Sporting Club nella seconda giornata del campionato di serie A di padel, andata in scena sabato 16 marzo. La formazione romagnola è uscita sconfitta per 4-0 dal confronto con i campioni d’Italia in carica della Canottieri Aniene, che continuano la loro corsa senza macchia nel girone B (in due giornate la compagine romana non ha ancora perso un singolo match.

William Forcellini e Davy Arcangeli sono stati battuti 61 61 da Lucas De Oliveira e Saverio Palmieri, la coppia femminile formata da Sara D’Ambrogio e Lorena Vano è stata superata da Melissa Capra e Carolina Orsi per 61 76, Massimo Tonti e Andrea Godio hanno rimediato un doppio “bagel” per mano di Mathias Nicoletti e Lucas Da Cuhna, mentre Filippo Scala e Giorgio Negroni hanno lottato tre set prima di cedere a Pablo Lijo Santos ed Emanuel Fanti con il punteggio di 61 36 61. 

 

La formazione del Misano Out sui campi della Canottieri Aniene

Nell’altro incontro del girone, Due Ponti e Canottieri Roma guadagnano un punto a testa, 2 a 2 il risultato finale: per il Due Ponti, successi di Rodrigo Ovide e Luca Mezzetti (46 62 62 in rimonta contro Calneggia/De Bellis) e di Jose Diestro e Alessio Luchetti (62 63 contro D’Attilio/Orecchio); hanno risposto per il Canottieri Roma Delfina Brea Senesi e la numero 2 d’Italia Giulia Sussarello (60 62 su Llaguno/Campagna) e Javier Garrido Gomez e Gianmarco Toccini (63 61 contro la coppia Brovelli/Barni).
L’Aniene guida il gruppo a punteggio pieno, seguito dal Due Ponti che ha ottenuto due pareggi in altrettante gare, un punto a testa per Misano Out e Canottieri Roma.
Si torna in campo sabato 30 marzo: nel gruppo B la capolista Canottieri Aniene ospita il Due Ponti, mentre Canottieri Roma e Misano si sfideranno nella Capitale a caccia dei primi 3 punti.

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti