San Marino Junior Cup: Artimedi-Di Muzio a segno nel doppio under 16

Ancora risultati positivi a livello internazionale per le allieve della San Marino Tennis Academy di Giorgio Galimberti.

Andrea Maria Artimedi ed Erika Di Muzio premiate da Gabriel Francini, responsabile del torneo

In questo caso le promesse che fanno base sul Titano sono state protagoniste alla “San Marino Junior Cup”, tappa del circuito Tennis Europe Under 14 e 16 che si disputa proprio sui campi del Centro Tecnico Federale di Montecchio, sede anche dell’Academy.
In particolare Andrea Maria Artimedi, reduce dalla semifinale nel torneo di Mestre e accreditata della terza testa di serie, ha raggiunto anche in questo caso il penultimo atto del torneo Under 16 grazie ai successi su Milena Jevtovic (wild card) per 6-4 6-1, su Ginevra Aprea (lucky loser) per 7-5 6-2 e nei quarti su Michela Metozzi, con un periodico 6-2, prima di cedere con il punteggio di 6-2 4-6 6-2 ad Anna Paradisi, seconda favorita del tabellone, la stessa giocatrice che aveva fermato l’Artimedi nel trofeo “Città di Venezia” un paio di settimane fa.

La giovane abruzzese ha però fatto centro in doppio, dove in coppia con la 14enne Erika Di Muzio, altra allieva della San Marino Tennis Academy di Giorgio Galimberti, si è aggiudicata il titolo: il duo, terza testa di serie, nel suo percorso netto ha messo in fila Giordanengo-Giordano nei quarti (6-1 7-5), in semifinale le polacche Zuzanna Bednarz e Magdalena Swierczynska, favorite numero 1 del seeding (6-1 6-4 lo score), e in finale Sofia Antonella Caldera ed Emma Valletta, seconda forza del tabellone, sconfitte per 6-2 6-4.

TABELLONE SINGOLARE UNDER 16 FEMMINILE http://www.tenniseurope.org/sport/draw.aspx?id=6AD6F28A-4AD3-4770-808D-A16BBF553BF1&draw=9

TABELLONE DOPPIO UNDER 16 FEMMINILE http://www.tenniseurope.org/sport/draw.aspx?id=6AD6F28A-4AD3-4770-808D-A16BBF553BF1&draw=12

5/5

More to explorer

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti