Romagna e Marche unite nel segno del tennis: oltre cento bambini in campo a Morciano

Un filo rosso tra le Marche e Morciano di Romagna nel segno del tennis e dell’amicizia. Oltre 100 bambini e ragazzi tra i 6 e i 14 anni, infatti, nei giorni scorsi hanno invaso i campi del Circolo Tennis di via Stadio in occasione dell’ultima tappa del circuito giovanile di ASI TENNIS (Associazioni Sportive e Sociali italiane). Oltre alle baby racchette di casa erano presenti anche i piccoli allievi provenienti dal Ct Sant’Orso di Fano.

L’esercito dei tennisti in erba ha dato vita a un pomeriggio di match entusiasmanti che sono stati disputati su tutti e cinque i campi a disposizione (erba sintetica, terra rossa, cemento e ‘play it’).

Siamo orgogliosi dell’ottima riuscita di questo evento – spiegano i responsabili di ‘360 Sport’ –. Oltre a rafforzare il nostro sodalizio con il Ct Sant’Orso, infatti, abbiamo dato la possibilità a tanti piccoli atleti di misurarsi per la prima volta con i loro coetanei provenienti da realtà diverse, dimostrando come i confini territoriali possano essere travalicati grazie all’amicizia e alla passione sportiva. Il Circolo Tennis Morciano, grazie all’accoglienza e alla versatilità delle sue strutture, si conferma ancora una volta punto di riferimento per l’organizzazione di tornei, raduni e manifestazioni rivolte ai giovani. Iniziative del genere hanno ricadute positive anche per il nostro  territorio: i baby tennisti, infatti, sono arrivati a Morciano in compagnia delle loro famiglie che, a margine dei tornei, hanno potuto trascorrere una piacevole giornata nei negozi, bar e ristoranti del nostro bel paese”.

Nei prossimi giorni, inoltre, si svolgeranno anche le amichevoli di Giocasport e Dodgeball organizzate sempre da 360 Sport. Le date saranno comunicate a breve.

Tornei: il 3/a di Morciano a Luca Bernabucci, il riccionese Pietro Conti vince tra i 4/a nella Perla Verde

 

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti