Quarti di platino per i romagnoli: Bagnolini a Oslo, Ricci a Bucarest e Bondioli a Jarfalla

Ancora grandi soddisfazioni per i giovani romagnoli impegnati nei circuiti Itf Junior Tour e Tennis Europe. Daniel Bagnolini, dopo essersi qualificato, ha battuto 4-6, 6-4, 6-0 l’inglese Harry Lazell nel 1° turno del tabellone principale del torneo Itf Junior Tour norvegese di Oslo (Grade 4, hard indoor) e poi si è ripetuto travolgendo 6-3, 6-0 il norvegese Max Bakken (wild-card). Domani i quarti contro il francese Axiel Garcian (n.5).

Va forte il riminese Mattia Ricci nel torneo Tennis Europe Under 14 di Bucarest. Il promettente romagnolo, testa di serie n.8, si è qualificato per il tabellone principale dell’International Championships of Romania battendo il rumeno Rares Teodor Pielenau per 6-2, 6-1 e l’altro rumeno Vlad Valentin Roman (n.13) per 6-2, 6-3, poi ha superato anche i primi due turni del main-draw ai danni di un altro rumeno, George Cosma, per 6-2, 6-3 e travolgendo 6-2, 6-0 il n.1 del seeding, il greco Chris Spyrou. Ora ottavi contro il vincente tra il moldavo Ilie Cazac ed il rumeno Calin Teodor Stirbu (n.16).
Doppio, 1° turno: Caniato-Ricci b. Grintescu-Guta (Rou, wild-card) 6-0, 6-0. 2° turno contro i bulgari Georgiev-Markov (n.5).

Il ravennate Federico Bondioli vola nei quarti del Tennis Europe Under 14 svedese di Jarfalla (hard indoor) grazie al successo per 6-1, 6-3 sull’ucraino Kostiantyn Mantach (n.6). Ora contro il francese Leo Cohen Bacrie (n.3). Doppio, 1° turno: Bondioli-Alopaeus (Ita-Fin) battuti 7-5, 6-3 dai finlandesi Byskata-Loukkola.

Nel torneo Tennis Europe Under 16 francese di Dijon, il Petits Ducs, la riccionese Letizia Migani (Tc Riccione) è stata battuta 6-2, 6-2 all’esordio dalla transalpina Maelie Monfils (n.3). Intanto la coppia Migani-Danesi è nei quarti in doppio dopo la vittoria per 6-4, 6-2 sulle francesi Alix Vidal-Mhaouri. Oggi contro Salvatorelli-Scilipoti (Ita-Sui, n.1).

 

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti