Il sindaco di Cattolica Mariano Gennari con l'assessora Nicoletta Olivieri, Pierangelo Cerri, la moglie Nella e la figlia Francesca, dirigente del club

Al Ct Cerri inaugurati i due nuovi campi da padel: la grande festa del circolo

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Taglio del nastro ufficiale, mercoledì sera, per i due nuovi campi da padel al Circolo Tennis Cerri di Cattolica. E’ stata l’occasione per una grande festa di tutto il circolo, quasi 150 i presenti, per partire in maniera brillante in questa nuova avventura dello sport emergente per eccellenza, che si affianca al tennis che sta vivendo un momento di grande interesse e crescita. Insomma, padel e tennis sono gli sport del momento in tutta Italia.

Il taglio del nastro simbolico è stato fatto alla presenza del sindaco, Mariano Gennari, e dell’assessora al turismo, Nicoletta Olivieri, presenti i vertici del circolo cattolichino, il presidente Pierangelo Cerri e la dirigente Francesca Cerri.

Come detto è stata una grande festa di sport, perché dopo la cena è stato programmato un primo torneo interno di padel che ha visto la partecipazione di decine di giocatori. Il settore padel del Ct Cerri sarà seguito dal maestro Max Sforza e da una preparatrice di grande qualità come Emanuela Donati. Portano entrambi anni di esperienza cominciata dal beach tennis e proseguita in altri sport, nuoto in primis, a servizio di questa nuova grande avventura nel padel. E in contemporanea prosegue il lavoro dello staff tecnico del tennis guidato dal maestro Davy Arcangeli, con il collega Massimiliano Baccilieri e gli istruttori Federico Calbini e Gianluca Sforza.
Presenti alla serata anche il presidente del Comitato Regionale Fit, Gilberto Fantini, e la presidente del Circolo Tennis Venustas, Elisa Vandi.

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti