Open femminile a Igea Marina: Chiara Rinaldi approda al tabellone di seconda categoria

Concluso il tabellone di terza categoria, ora spazio alle seconda categoria nel torneo nazionale Open femminile del Circolo Tennis Venustas di Igea Marina, il trofeo “Hotel Mexico Bellaria Igea Marina”. Si qualificano, tra le altre, Chiara Rinaldi, portacolori del Tennis Viserba, l’altra riminese Isotta Mancini (Ct Rimini) e l’imolese Alice Monducci Delucca (Ct Cacciari).

RISULTATI. Turno di qualificazione: Chiara Rinaldi (3.1, n.2)-Asia Bravaccini (3.3) 6-3 6-3, Ghezlene Debollah (Nc)-Vittoria Modesti (3.1, n.3) 7-6 (3) 7-6 (3), Agnese Ceccarelli (3.1, n.4)-Sara Sirena (3.3) 6-4 6-1, Viola Cipriani (3.1, n.5)-Lucrezia Vagnini (3.4) 6-3 3-6 6-3, Caterina Castaldi (3.4)-Martina Valenti (3.2, n.7) 5-7 6-0 6-1, Ludovica Azzolini (3.4)-Maria Laura Paglicci (3.2, n.8) 4-6 6-, 6-3, Marta Lombardini (3.2, n.10)-Elena Tamburini (3.5) 7-6 (5, 6-3, Sofia Bardi (3.2, n.12)-Sara Gregoroni (3.4) 6-0 6-2.

3° turno: Linda Canestrari (3.2, n.11)-Jennifer Lai (3.4) 6-3 6-1, Isotta Mancini (3.3)-Sofia Pollice (3.1, n.1) 6-2 6-1, Alice Monducci Delucca (3.2, n.9)-Manuela Benedettini (3.3) 6-3 7-5, Ilaria Morgillo (3.1, n.6)-Sara Bertozzi
(3.4) 7-6 6-1.

2° turno: Ghezlene Doballah (Nc)-Sofia Marchetti (3.3) 3-6 6-, 7-6 (2), Lucrezia Vagnini (3.4)-Camilla Marani (3.2) 6-4 6-4.

Nel tabellone intermedio di seconda categoria avanzano intanto Linda Canestrari (3.2), Viola Cipriani (3.1) e Maya Ceccarini (2.7).

Si avvicina sempre più, dunque, l’appuntamento con le big, guidate nel tabellone principale dalla 2.2 Alice Balducci e dalle 2.4 Maria Vittoria Viviani, Giulia Pasini, Alexandra Dergunova, Francesca Bernardi, Alessandra Mazzola, Elisa Gugnali e Camilla Fabbri.

Camilla Fabbri (2.4, Casalboni Santarcangelo)
Giulia Pasini, 2.4 del Tennis Club Faenza
5/5

More to explorer

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti