Master Junior Next Gen: ecco i qualificati romagnoli per Milano

Ci sono anche alcune promesse del tennis romagnolo tra i protagonisti del Master finale del Circuito Junior Next Gen 2018, il circuito giovanile osservato organizzato dalla Federazione Italiana Tennis (con il coinvolgimento del proprio settore tecnico nazionale) e riservato a ragazzi e ragazze Under 10, 12, 14 e 16. Il Master è in programma dal 6 al 10 novembre, sui campi dello Sporting Club Milano 3, a Basiglio, in contemporanea con le Next Gen ATP Finals a Milano, e vi parteciperanno i primi 5 giocatori di ogni categoria di età e di ciascuna delle cinque macroaree in cui è suddiviso il territorio della Penisola (in base al tesseramento) nella classifica stilata sulla base dei risultati delle cinque tappe disputate nell’ottava edizione della manifestazione.

Come prevede il regolamento, le partite si giocheranno due set su tre, ai 4 game, con tie-break a 7 punti in tutti i set sul 3 pari. Inoltre all’interno dei game verrà applicato il “no advantage” sul 40 pari. I giovani qualificati al Master potranno assistere gratuitamente alle Next Gen ATP Finals, grande appuntamento che vede protagonisti al polo fieristico di Milano-Rho i migliori under 21 del circuito mondiale.

Dennis Ciprian Spircu

Ecco quali sono i giovani romagnoli che saranno impegnati nel Master finale del Circuito Junior Next Gen 2018, divisi per categoria:

Under 10 – Maschile: Carlo Paci (Tennis Club Valmarecchia), Edoardo Pagnoni (Tennis Club Valmarecchia), Dennis Ciprian Spircu (Scuola Federale San Marino);
Femminile: Talita Giardi (Scuola Federale San Marino);

Under 12 – Maschile: Lorenzo Beraldo (Tennis Club Faenza);
Femminile: Anita Picchi (Villa Carpena Forlì);

Under 16 – Femminile: Asia Bacchilega (Easy Tennis).

Asia Bacchilega (Easy Tennis) in una foto d’archivio

LE CLASSIFICHE DEL CIRCUITO JUNIOR NEXT GEN ITALIA

Romagnoli protagonisti nel Next Gen dello Sporting Sassuolo

 

 

 

5/5

More to explorer

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti