Cerca
Close this search box.
Alessandro Pecci

Italiani Assoluti: subito in campo nelle qualificazioni Pecci, De Rossi e Picchione

Sono cinque i giocatori romagnoli al via nei tabelloni principali maschile e femminile dei Campionati Italiani Assoluti, che scattano sabato 20 giugno sui campi in terra rossa del Tennis Club Todi 1971 con le qualificazioni maschili (dove sono tre i tennisti di scuola romagnola).

Dunque precedenza a chi è impegnato nelle qualificazioni (tabellone da 48 giocatori: 40 con accesso diretto in ordine di classifica e 8 wild card individuate dal settore tecnico FIT), subito in campo nella giornata di apertura: il sammarinese Marco De Rossi affronta sul Centrale il romano Marco Mosciatti, il giovane riccionese Alessandro Pecci (impegnato in questi giorni anche negli esami di maturità) deve vedersela con Alessio De Bernardis (wild card), uno dei componenti del team di A1 del Circolo Tennis Massa Lombarda, mentre Andrea Picchione, allievo dell’Academy di Giorgio Galimberti, è opposto al torinese Edoardo Lavagno.
Non sono invece riusciti ad entrare nelle “quali” il ravennate Alessandro Dragoni, il pesarese Federico Bertuccioli, altro allievo di Galimberti, il riminese Alberto Morolli (tesserato per il Tc Riccione e seguito da coach Giovanni Marra) e l’imolese Filippo Bettini, che figuravano tra gli ‘alternates’.

Andrea Picchione
Andrea Picchione (Galimberti Tennis Academy)

Il main draw maschile (32 posti: 20 con accesso diretto in ordine di classifica ATP, 4 wild card individuate dal settore tecnico FIT e 8 provenienti dal tabellone di qualificazioni) della rassegna tricolore, riproposta dalla Federazione Italiana Tennis 16 anni dopo l’ultima edizione (si svolse nel 2004) vede invece protagonisti tre romagnoli: il faentino Federico Gaio, numero 130 del ranking mondiale e seconda testa di serie – preceduto nel seeding solo da Lorenzo Sonego, numero 46 Atp -, che attende un qualificato, così come il ravennate Enrico Dalla Valle, numero 420 Atp, mentre il cesenaticense Francesco Forti, numero 446 del ranking mondiale, new entry del team di A1 del Circolo Tennis Massa Lombarda, sfiderà al primo turno il piemontese Andrea Vavassori. In gara con una wild card, pure lui contro un qualificato, ci sarà anche l’under 18 Luciano Darderi, rinforzo dell’ultim’ora per la squadra di Massa Lombarda capitanata da Michele Montalbini, impegnata dal 5 luglio nel massimo campionato. 

Francesco Forti
Francesco Forti (foto FIT Taba)
Enrico Dalla Valle in azione a Firenze
Enrico Dalla Valle (foto Francesco Peluso)

Nel torneo in rosa (tabellone principale a 16, con 10 ammesse di diritto, 4 wild card individuate dal settore tecnico FIT e 2 qualificate) la verucchiese Lucia Bronzetti, numero 336 Wta, debutterà contro l’azzurrina Melania Delai (wild card), mentre l’imolese Camilla Scala, numero 429 Wta (entrata in extremis nel main draw), è stata abbinata dal sorteggio ad Elisabetta Cocciaretto, numero 157 della classifica mondiale e terza favorita del seeding, dietro le altre due azzurre di Fed Cup Jasmine Paolini e Martina Trevisan.
Nessuna giocatrice romagnola tra le 24 in campo nelle qualificazioni (tra le ‘alternate’ figurava la giovane ravennate Emma Valletta, classifica federale 2.4).

Lucia Bronzetti
Lucia Bronzetti

Il torneo che incoronerà i nuovi campioni d’Italia sia in campo maschile che in campo femminile prevede da martedì 23 la disputa dei tabelloni principali. E oltre a quelli impegnati con la racchetta in mano c’è un altro romagnolo tra i protagonisti degli Assoluti: si tratta del giudice arbitro Riccardo Ragazzini, che sovraintende alla rassegna tricolore al fianco del direttore del torneo Giorgio Di Palermo. 

ORDINE DI GIOCO SABATO 20

QUALIFICAZIONI MASCHILI

TABELLONE PRINCIPALE MASCHILE

QUALIFICAZIONI FEMMINILI

TABELLONE PRINCIPALE FEMMINILE

ASSOLUTI ENTRY LIST MASCHILE

ASSOLUTI ENTRY LIST FEMMINILE

Camilla Scala
Camilla Scala in azione

 

Immagini collegate:

5/5

More to explorer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Net-Gen

“Le infinite radici della bellezza del tennis sono autocompetitive. Si compete con i propri limiti per trascendere l’io in immaginazione ed esecuzione.”

Contatti